23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

25/07/2018quasi sereno

23 luglio 2018

E' Stato La Mafia

Categoria: Spettacolo - Tags: Travaglio, è Stato La Mafia, Napolitano, Valentina, Lodovini, Trattativa, Stato, Mafia, Riina, Provenzano, Mancino

immagine dell'autore

Paolo Pandin | commenti | (1)


 

Travaglio inizia dal maxiprocesso fino alla distruzione dei nastri delle intercettazioni Napolitano-Mancino, raccontando tutta la storia della trattiva Stato-Mafia, accompagnato da Valentina Lodovini che di riflesso alla lista di personaggi (a dir poco) impresentabili, cita delle personalità forti e di grande statura morale della nostra storia, per ricordarci l’importanza di certi principi e diritti che dentro questa melma di ricatti, giochi di potere e omicidi, devono continuar a vivere.



Tre ore di spettacolo che non pesano, grazie alla parlantina di Travaglio che difficilmente annoia (una bocca-mitraglietta caricata a lamette) e che riesce a raccontare più di vent’anni di storia mantenendo incollati gli spettatori a seguire l’evolversi della trattativa. L’ interpretazione dei grandi personaggi della nostra storia (da Gaber a Calamandrei passando per Pasolini e Pertini) della Lodovini è elegante e piacevole mentre gli intermezzi musicali di Valentino Corvino aiutano a mantenere l’ attenzione durante i cambi, preparando la giusta atmosfera ad ogni passaggio della vicenda.



Il racconto della trattativa è angosciante e piena di colpi di scena negativi che portano ad un peggioramento costante della situazione. A questo spettacolo non servono scenografie, proiezioni o tanti attori sul palco che sfilano interpretando mafiosi, politici, carabinieri e magistrati, ma sono sufficienti due poltrone rosse (come l’ agenda rubata di Borsellino e il sangue delle stragi), un cavalletto e delle fotografie sullo sfondo. Un’ impostazione molto semplice della scena, per contenere una storia difficile e dolorosa. Le citazioni recitate dalla Lodovini aiutano gli spettatori a riprendere fiato, ma ogni volta che finisce il pezzo per passare nuovamente il testimone al racconto di Travaglio le foto sullo sfondo rimangono nella penombra come ad ascoltare anche loro questa storia incredibilmente inquietante.



Da giovane ventenne (per quanto segua costantemente le vicende politico-mafiose del nostro Paese) uscito dal Teatro sono rimasto a bocca aperta e mi sono posto alcune domande (magari banali) che avrei voluto fare a Travaglio e che vi riporto:
- Come si può sconfiggere la criminalità organizzata, se questo è riuscita ad entrare persino in una della istituzioni più alte? (Basti pensare anche al caso di cui si parla in questi giorni, Dell’Utri)
- Perché alcuni esponenti della mafia hanno parlato della trattativa, mentre i pezzi dello Stato interessati, continuano a proteggersi a vicenda e a coprire la storia?
- Perché le autorità elencate durante lo spettacolo sono ancora all’ interno delle istituzioni?
- Perché fa più notizia la proclamazione di Alfano a segretario di un partito inesistente partorito dalle rovine di una forza politica chiamata Forza Italia fondata dal condannato per concorso esterno in associazione mafiosa dell’Utri e dal condannato Berlusconi, rispetto alle scoperte fatte dai magistrati riguardanti la trattativa Stato-Mafia?
- Perché i giornali (tranne pochissimi, vedi Il Fatto Quotidiano) non martellano l’ opinione pubblica con le notizie su questa trattativa?
- Infine, riprendendo una battuta di Travaglio durante lo spettacolo, il Watergate negli Stati Uniti ha fatto fuori un presidente, perché in Italia, uno scandalo come la trattativa, ben più grosso, non ha mosso una foglia?




Lo spettacolo è assolutamente consigliato, non si può perdere. Mi ripeto, tre ore che non pesano, che con abilità ricostruiscono la trattativa Stato-Mafia (quello che finora sappiamo), ricordandoci costantemente che in questa melma maleodorante ci sono anche dei pilastri di rettitudine morale che devono rimanere vivi nella nostra memoria e nel nostro presente.

Qui la galleria completa delle immagini dello spettacolo.




 

Paolo



Commenta questo articolo


Ciao, non ho visto ancora lo spettacolo ma ho letto il resoconto e mi sa che proverò a guardarlo, il tema è sensibile, la mafia ha radici molto lontane e profonde, si parla che già da metà dell '800 in sicilia i pizzi pagati dai lavoratori delle miniere di estrazione dello zolfo semplicemente per poter continuare a lavorare incolumi loro e per le loro famiglie a vivere. Si è allargata oltreoceano negli stati uniti ai tempi del proibizionismo degli alcolici e delle lotte bianchi contro neri, nei ring e nella strada , con le lotte per i diritti civili di Martin Luther King.
Se si dice che l'italia ha esportato la mafia in tutto il mondo non è così, esiste di per se la mafia cinese che è pressapoco l'equivalente di mafia andrangheta e camorra perchè gestisce i traffici illegali ed è tuttora attiva a livello internazionali con ramificazioni in italia e nel resto d'europa, quindi non siamo soli, poi c'è quella russa.
Io ho sempre pensato che se lo stato volesse avrebbe tutti i mezzi per debellare il problema, il problema è capire di quale stato stiamo parlando...posto un commento del deputato Alessandro di Battista di ieri a proposito, dico solo basta omertà:

La mafia nello Stato c’è! C’è in Parlamento, c’è in moltissimi consigli comunali, c’è nelle regioni, c’è nell’EXPO, nel TAV. Per troppo tempo abbiamo taciuto lasciando il compito di combatterla a eroi solitari. La mafia si sconfigge se un popolo alza la testa, se siamo tanti. Ci stiamo provando come sapete e il nostro essere intransigenti è la salvezza di fronte a una piovra che ti attorciglia senza che nemmeno te ne rendi conto. Guardate il PD, vuole modificare la Costituzione assieme a un partito fondato da un mafioso e da uno che i mafiosi li ospitava a casa (B. che ospitava Vittorio mangano). Ma vi sta bene? Vi sta bene che il Presidente della Repubblica non vada a testimoniare a Palermo e non dia il suo contributo per scovare i responsabili della trattativa Stato-Mafia, quella trattativa messa in piedi per salvare qualche politico colluso e per realizzare i punti del “papello” dei corleonesi? Vi sta bene? Vi sta bene che le riforme istituzionali di cui si parla oggi siano le stesse che voleva un tal Licio Gelli, Gran Maestro della loggia massonica PD (oltretutto condannato per depistaggio nella strage di Bologna). Vi sta bene? E allora perché non alzate la testa e la smettete di votare chi ha reso possibile tutto questo? Chi ha permesso a Dell’Utri di fare i suoi porci comodi in tutti questi anni (la sinistra, il PD) è responsabile quanto lui. Ma possibile che non sia ancora chiaro il giochetto dei potenti? Martedì, in aula al Senato, verrà votato l'emendamento che prevede il ripristino delle pene a 7 - 12 anni per il reato di scambio politico-mafioso. Scrivete ai senatori del PD chiedendogli di votare a favore (il PD ha la maggioranza). Basta andare su questo link: http://www.fuorilamafiadallostato.org/email/
La mafia è una montagna di merda come diceva Peppino Impastato e le montagne di merda si trattano con la pala, non con i cucchiaini di argento. O la combatti con estrema durezza o ne sei complice. O voti per l’inasprimento delle pene o sei amico del libanese Dell’Utri. Il re è nudo ormai, il re è nudo ‪#‎fuorilamafiadallostato‬

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×