19/10/2017nebbia e schiarite

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Rugby

Steyn rimane a Treviso

Il biancoverde è stato campione del mondo Under 20 con il Sud Africa

Rugby

Abraham Jurgens Steyn

TREVISO - Il Benetton Rugby ha raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto di Abraham Jurgens Steyn (nella foto).

Nato a Cradock (Sudafrica) il 2 maggo 1992 (193 cm, 110 kg); prodotto dell’Accademia dei Natal Sharks di Durban, nel 2012 è stato Campione del Mondo U20 con gli Springboks.

Nel dicembre di quell’anno il terza linea approda a Mogliano diventando da subito uno dei protagonisti della vittoria del primo scudetto dei Leoni biancoblu. Dopo la stagione in terra veneta, Abraham si trasferisce per due anni a Calvisano, saranno altrettanti i campionati di Eccellenza conquistati con la squadra bresciana. Inoltre le ottime prestazioni gli valgono la chiamata da parte delle Zebre con le quali, nelle vesti di permit player, fa le prime due apparizioni in Guinness PRO12.

Nell’estate del 2015 le sue doti di terza linea aggressivo, dotato di ottime qualità tecniche ed atletiche, gli consentono di approdare al Benetton Rugby. Ad oggi con la maglia biancoverde ha collezionato 43 presenze e messo a segno 20 punti.

Trascorsi tre anni in Italia, dopo la Rugby World Cup 2015, entra nel giro della Nazionale Italiana facendo il suo esordio con la maglia azzurra in occasione del Sei Nazioni 2016. Confermato anche dal CT O’Shea, Steyn è stabilmente nel giro della Nazionale con la quale ha partecipato anche all’RBS 6 Nazioni 2017 e della quale farà parte il prossimo mese in occasione del tour estivo della stessa.

Queste le parole di Braam: “Sono molto contento di aver prolungato il mio contratto per altre due stagioni, è un’opportunità che mi rende orgoglioso di far parte di questo gruppo e di questo progetto. Mi auguro di fare del mio meglio per il club e per i nostri tifosi”.

Le dichiarazioni del direttore sportivo Pavanello: “Braam ha dimostrato in più occasioni di essere un giocatore di livello internazionale. In questi due anni ha lavorato duramente ed abbiamo assistito ad una sua crescita esponenziale: sul piano fisico, tecnico e di visione di gioco. Ci auguriamo che prosegua in questa direzione al fine di diventare una pedina fondamentale della nostra squadra”.

Federico Arigano (Benetton rugby)

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

Fuser è stato assolto dalle accuse
Fuser è stato assolto dalle accuse

Rugby

Era accusato di aver morso un avversario durante la gara di Coppa a Bath

Rugby / Fuser assolto dalla commissione disciplinare

TREVISO - L’udienza disciplinare riunitasi mercoledì pomeriggio a Londra ha espresso giudizio sulla citazione di Marco Fuser avvenuta da parte del Citing Commissioner, Tim Lowry (Irlanda).

Sebastian Negri
Sebastian Negri

Rugby

Salgono a 17 i Leoni in azzurro: sostituirà Mbandà nel gruppo dei 34 che si raduneranno dal 22 al 25 ottobre a Parma e dal 29 ottobre all’1 novembre a Treviso

Negri convocato in Nazionale

TREVISO - Nuova convocazione azzurra per un giocatore del Benetton. Sebastian Negri (nella foto), terza linea della Benetton Rugby, è stato convocato dal CT della Nazionale Italiana Rugby Conor O’Shea per i raduni di preparazione ai Test Match autunnali.

Benetton ko a Bath (foto di repertorio)
Benetton ko a Bath (foto di repertorio)

Rugby

Il Benetton gioca bene ma viene beffato allo scadere del primo tempo. I padroni di casa vincono 23-0 nel primo turno di Champions Cup

Leoni ko a Bath

BATH (INGHILTERRA) - Pesante ko stasera per il Benetton che perde nella prima giornata di Champions Cup per 23-0.

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×