24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

24 settembre 2017

Esteri

Strage studentesse Erasmus, un anno fa l'incidente in Catalogna

commenti |

Notte del 20 marzo di un anno fa. Autostrada del nord-est della Catalogna, Spagna. Un pullman con 57 passeggeri sta riportando da Valencia a Barcellona un gruppo di studenti del progetto Erasmus: improvvisamente lo schianto. Il bus si scontra frontalmente con un altro veicolo che viaggiava sulla carreggiata opposta, muoiono 13 giovani, sette sono studentesse italiane. Eccole: Francesca Bonello, Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Serena Saracino, Elisa Scarascia Mugnozza. Torino, Firenze, Grosseto, Udine e Roma sono le città che un anno fa si ritrovarono listate a lutto per l'improvvisa perdita di giovanissime studentesse.

I giovani stavano tornando a Barcellona dopo aver assistito alla tradizionale festa dei fuochi delle Fallas, quando l'autista ha avuto un colpo di sonno: è lui stesso, in lacrime, a raccontarlo ai soccorritori. Le indagini sull'accaduto erano state in un primo momento archiviate mentre nel gennaio scorso, il tribunale ha accolto il ricorso presentato dai familiari delle vittime e un altro giudice ha riaperto le indagini prendendo in considerazione proprio la questione del 'colpo di sonno' dell'autista.

Un anno è passato, ma il dolore e il ricordo dei familiari, madri, padri e fratelli o sorelle delle giovani studentesse è vivo più che mai. Come quello della mamma di Elisa Scarascia Mugnozza, studentessa di Medicina all'Università La Sapienza: "Un anno travagliato - ha detto mamma Maria Teresa Costanza all'Adnkronos - e le vicende giudiziarie non aiutano di certo. Il ricordo è sempre vivo e sentiamo tutti la mancanza di Elisa: ma questa è la realtà e deve essere affrontata e la fede mi solleva, e mi aiuta ad andare avanti". Anche il preside della facoltà Di Medicina e Psicologia, il professore Massimo Volpe ha voluto ricordare Elisa: "In questo anno sono accadute cose importanti, di grande impatto emotivo sia per gli studenti che per i docenti: nel luglio scorso è stata intitolata un'aula studio della facoltà di medicina a Elisa ed alla cerimonia hanno partecipato oltre agli studenti e al rettore dell'ateneo anche i familiari della studentessa - ha ricordato Volpe - e ancora nell'ottobre scorso è stata conferita a Elisa la Laurea alla memoria in base ai suoi studi, al suo curricolum di esperienza in Erasmus e questa è stata una cerimonia molto toccante, significativa per gli studenti colleghi di Elisa e per tutti i docenti". Lo scorso anno, a un mese circa dall'incidente, a Villa Borghese a Roma vennero piantati 13 alberi in ricordo di tutte le vittime della tragedia non solo quelle italiane. Erano 13 lecci ed è stata posta anche una targa con i loro nomi.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×