24/02/2017pioviggine

25/02/2017sereno

26/02/2017velature sparse

24 febbraio 2017

Su Facebook il manifesto di Zuckerberg per unire l'umanità

"Stiamo costruendo il mondo che vogliamo?". A porsi la domanda è il fondatore e amministratore di Facebook Mark Zuckerberg con un lungo post destinato ad alimentare ulteriori speculazioni sulla sua corsa per la presidenza degli Stati Uniti.

Nel lungo appello, che già viene presentato come un vero e proprio "manifesto" contro il trumpismo, Zuckerberg annuncia una serie di modifiche alla missione non ufficiale del social network che "negli ultimi dieci anni si è focalizzato nel mettere in contatto amici e familiari". Ora, in un mondo che tende a polarizzarsi e dove si stanno rafforzando le tendenze isolazioniste, "il nostro prossimo obiettivo sarà quello di sviluppare l'infrastruttura sociale per la nostra comunità - per sostenerci, per tenerci al sicuro, per informarci, per l’impegno civico e per l’inclusione".

Pur non menzionando mai le politiche divisive del presidente americano, Donald Trump, o la Brexit, Zuckerberg si sofferma sul clima corrente, sostenendo che "in tempi come questi, la cosa più importante che Facebook può fare è sviluppare le infrastrutture sociali per dare alla gente la possibilità di costruire una comunità globale che funziona per tutti noi".

"Quando abbiamo cominciato - afferma ancora - questa idea non era contestata. Ma ora, nel mondo ci sono persone lasciate indietro dalla globalizzazione e movimenti che spingono per il tirarsi indietro dalla connessione globale. Ci sono dubbi sul fatto possiamo creare una comunità globale che funzioni per tutti, e se il nostro percorso futuro è quello di collegare di più o di invertire la rotta".

 



Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×