20 settembre 2019

Conegliano

"Sudore più sacrificio uguale successo": Andrea Vendrame si prepara per un anno al top

L'intervista alla promessa del ciclismo trevigiano

Alberta Bellussi | commenti |

Andrea Vendrame, classe 1994, è il ciclista di Santa Lucia di Piave che dal 2017 corre con l'Androni Giocattoli-Sidermec. Andrea è una promessa del ciclismo trevigiano che conta tra i suoi accaniti tifosi anche il sindaco del suo paese, il dottor Riccardo Szumski. E’ stato anche nazionale Under 23 negli europei su strada, conquistando il bronzo nella prova in linea.

 

Nel 2015 hai vinto il Giro del Belvedere, (corsa internazionale in linea maschile di ciclismo su strada che si svolge annualmente a Cordignano, nel mese di aprile, riservata agli Under-23) cosa ha significato per te? Questa è stata la mia prima vera vittoria importante nella categoria Under23. Vincere il Belvedere per me è stato come portare a casa un mondiale, una grandissima soddisfazione ed emozione. Correvo vicino casa e le strade le definivo "amiche"; ci passavo ogni giorno, soprattutto la discesa del Rugolo la conosco benissimo. Da quella vittoria la mia carriera ha avuto una svolta determinante e ha segnato il mio passaggio al professionismo, anche se l'anno seguente ho avuto un incidente che mi ha creato un po' di problemi.

 

Che ruolo hai all'interno della squadra dell'Androni? Nel team Androni non ho un ruolo preciso. Mi piace essere imprevedibile e dare spettacolo. Mentre per le corse in Francia la squadra mi dà abbastanza responsabilità visto che i percorsi e modalità di corsa mi si addicono.

 

Come è stato correre in Africa? In questa nuova stagione ho già esordito in Africa, precisamente in Gabon alla tropicale Amissa Bongo, dove ho ottenuto sei piazzamenti nei dieci su sette tappe. Correre in Africa è stata un'esperienza unica. Mi ha arricchito il bagaglio culturale e ciclistico. Me la immaginavo decisamente diversa. Correre sotto quelle temperature di 40 gradi all'ombra e con un'umidità altissima non è stato semplice, però mi sono divertito, ed ho potuto testare le mie condizioni fisiche.

 

Quali saranno le gare che disputerai in questa nuova stagione? I prossimi eventi che andrò a disputare saranno il Laigueglia e poi andrò in Francia per l'Haut Var.

 

Quali sono i tuoi obiettivi personali? Quest'anno sarò in scadenza di contratto, perciò il mio obbiettivo primario da raggiungere sarà sicuramente quello del rinnovo. Poi ho altri due obiettivi da realizzare: uno si chiama Milano-Sanremo, l'altro è regalarmi una "gioia" ad una tappa del Giro d'Italia. E perché no, magari la tappa che passa vicino casa.

 

Quali sono i tuoi idoli? Tra i ciclisti del passato mi piace molto Oscar Freire, del presente invece Philippe Gilbert.

 

C'è una frase che pensi possa essere lo spot per il tuo anno ciclistico 2019? Vorrei che lo spot per il 2019 fosse: "sudore più sacrificio uguale successo".

 



foto dell'autore

Alberta Bellussi
L'ambiente in cui viviamo non è di nostra proprietà Ci è stato"" prestato ""dai nostri padri affinché lo consegniamo migliorato ai nostri figli

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×