20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018temporale e schiarite

20 giugno 2018

Italia

Sui manifesti “Prima gli italiani”, Salvini mette le foto degli stranieri

Stefania De Bastiani | commenti |

Sono gli immigrati che rubano il lavoro agli italiani o è la Lega che preferisce far lavorare gli stranieri? Nella campagna elettorale di Matteo Salvini c’è la risposta.

 

Non solo per appendere i manifesti della Lega era stati pagati gli immigrati, ma ora Salvini ha anche acquistato da agenzie estere immagini che ritraggono modelli stranieri per i propri manifesti. In cui, vicino ai volti di adulti e bambini cechi e slovacchi, impera lo slogan “Prima gli italiani”.

 

A scoprire l’ennesima assurdità leghista è il sito The Vision, che ha preso le immagini della campagna elettorale di Salvini e, con una semplice ricerca on line, è riuscito a risalire alla agenzia pubblicitaria da cui la Lega ha comprato le immagini. La donna e la bimba ritratte davanti al Duomo di Milano, nonostante sembrano sorridere all’hashtag prima gli italiani, sono in realtà due modelle ceche che lavorano per l’agenzia ceca Citalliance. Non è finita: nemmeno l’uomo e il bambino che indicano il cartello “prima gli italiani” sono italiani. La foto infatti è stata acquistata dalla fotografa slovacca Soloviova Liudmyla e i due modelli sono slovacchi.

 

Che le persone ritratte non abbiano proprio sembianze italiane, lo si nota. Tutti biondi, occhi azzurri, carnagione chiarissima. Ma la Lega non si è fatta troppi problemi, a confezionare l’ennesima contraddizione. E nemmeno a ingaggiare agenzie e modelli stranieri per i propri manifesti. Insomma, si sa che gli stranieri ci rubano il lavoro: tanto vale consegnarglielo direttamente.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×