25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Lavoro

Superate 1600 adesioni a progetto Mercedes Vivaio.

AdnKronos | commenti |

Roma, 20 apr. (Labitalia) - Sono già oltre 1.600 le candidature presentate da giovani neodiplomati e neolaureati di tutte le regioni nella nuova edizione di #MercedesVivaio, il progetto della filiale italiana della casa tedesca per la ricerca di 120 nuove figure professionali da inserire nell’area vendita e post-vendita delle concessionarie Mercedes-Benz Cars, smart e Vans.. Nel primo mese di raccolta delle candidature la regione che ha risposto con maggiore entusiasmo è stata la Campania, con ben 270 curricula, seguono il Lazio con 260, Sicilia e Puglia, rispettivamente con 200 e 190 candidati. Fanalino di coda Molise, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige che insieme non arrivano a 20 candidature.

Fino ad oggi, le figure professionali che hanno riscosso maggiore successo tra le candidature sono quelle del consulente di vendita e del tecnico di officina. Una piacevole sorpresa arriva dalle donne che in un mondo spesso visto al maschile, rappresentano oltre il 20% delle candidature. C’è comunque ancora tempo fino al 5 maggio per candidarsi su www.mercedes-benz.it e www.qnomos.it/vivaio.

Oltre a garantire una grande opportunità professionale, il progetto - sottolinea Mercedes - "rappresenta un elemento strategico nella realizzazione della Best Customer Experience e un contributo importante nei processi di miglioramento delle performance della rete di Concessionarie italiane della Stella".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×