15 settembre 2019

TÉGNER NÈT

Categoria: Notizie e politica -

immagine dell'autore

Carlo Piasentin | commenti |

Potrebbe essere un impegno per tutti noi cittadini e amministratori della città, ma a quanto si può vedere, non dico in periferia, ma anche sulle strade centrali di Vittorio Veneto l’impegno, per usare un eufemismo, è un po’ pochino.

Comunque potete vedere che, almeno, ci si può vantare di avere i marciapiedi più eterogenei, non dico d’Italia ma, sicuramente, della provincia.

Aspetto con ansia (forse è esagerato?) l’entrata in vigore della nuova legge sulle cíche. Chissà quante multe!!!


TÉGNER NÈT
 

In Común i ha pensà de eliminàr
un pochi de stradíni par sparagnàr
tant le strade le se lava co pióve
e le tórna túte lústre e come nóve.

Ma se ‘a pióva no la vól pi cascàr
tut se ingrúma se no i vól pi netàr
e pur tròpo su strade e marciapié
spes al sporc al se tàca sóto i pié.

Anca parché a voér dirla pròpio túta
la bòna creànza déa zènt no la iúta
e par le vie de Vitòrio ormai al par
che túti i portacíche i vàe a svodàr.

Quei che parchégia dopo vér fumà
zentenèr de cíche par tèra i ha butà
da màchine come l’autista puzoénte
che portàrse.e a casa nol ghe sénte.

Fazoét carte e quel che i can i ha ‘assà
e che i paróni de can no i ha mai netà
có su pai cantón ormai incragnàde
senpre de can nóve e vèce pissàde.

Ma i svejabaúchi gnessún mai li cavarà
cussí a futura memoria senpre i restarà.

 



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×