20/08/2018quasi sereno

21/08/2018sereno

22/08/2018quasi sereno

20 agosto 2018

Esteri

Tenta di violentare 13enne. Lei si oppone e lui la uccide

A confessare il delitto un 45enne padre di due figli. Già arrestato per stupri ai minori e rilasciato

commenti |

Francia sotto choc per la tragica fine di Angélique, la ragazzina di 13 anni scomparsa mercoledì a Wambrechies, nel nord del Paese, e ritrovata morta domenica in una foresta di Quesnoy-sur-Deûle. Secondo quanto scrive 'Le Parisien' il presunto assassino di Angélique, fermato, avrebbe confessato l'omicidio.

 

L'uomo, un conducente di autobus di 45 anni, sposato e con due figli, ha detto di aver adescato l'adolescente a casa sua con un pretesto, di aver cercato di abusare di lei e di averla strangolata quando la 13enne ha tentato opporsi alla violenza. Dopo l'omicidio il presunto assassino ha nascosto il corpo di Angelique nella foresta di Quesnoy-sur-Deûle coprendolo con la vegetazione prima di darsi alla fuga.

 

Sarà ora l'autopsia, si legge su 'Le Parisien', a determinare le circostanze esatte della morte di Angelique e se la ragazza è stata violentata. L'uomo, che conosceva la ragazzina, era già stato condannato a 9 anni di carcere nel 1996 per aver stuprato due anni prima una 13enne. Era stato rilasciato nel marzo del 2000.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×