21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Treviso

Spaccata al bar mentre passa la polizia, scatta l'inseguimento

Arrestato un uomo, si cerca il complice. Esplosi dei colpi a scopo intimidatorio

commenti |

TREVISO Con un’auto hanno sfondato la vetrina del bar all’angolo tra viale della Repubblica e via Santa Bona Nuova, ma l’hanno fatto proprio qualche istante prima che passasse una volante della polizia che stava pattugliando la zona.

 

È accaduto la notte scorsa verso le 3. I poliziotti hanno sentito il botto e si sono precipitati sul posto. Uno dei due aspiranti ladri è riuscito a fuggire immediatamente a piedi, l’altro, un 45enne trevigiano, ancora col passamontagna in testa si è messo al volante della Renault Clio con cui erano arrivati lì ed ha tentato di scappare.

 

Ne è nato un inseguimento che è durato diversi minuti, passando per viale Europa, via Pindaro, via Santa Bona e viale della Repubblica. La volante della polizia si è avvicinata all’auto in fuga e ci sono stati anche dei pericolosi contatti tra i due mezzi, tanto che l’auto di servizio ha riportato parecchi danni sul davanti e su una fiancata. A scopo intimidatorio sono stati anche espolosi dei colpi di pistola in aria dai poliziotti. 

 

Questo finché il fuggitivo è stato costretto a bloccarsi. A quel punto è sceso dall’auto ed ha tentato la fuga a piedi, ma è stato raggiunto dai poliziotti che hanno fatto scattare le manette. A seguito della perquisizione dell’auto sono spuntati svariati attrezzi da scasso poi sequestrati.

 

Per il 45enne si sono aperte le porte del carcere, mentre sono ora in corso indagini per cercare di risalire al complice.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×