21/09/2017quasi sereno

22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

21 settembre 2017

Cronaca

Terremoto Ischia: 2 morti e 2.600 sfollati

commenti |

Due donne morte, 39 feriti e poi danni, crolli e lesioni a edifici. E' questo il triste bilancio del sisma di magnitudo 4 registrato ieri sera alle 20.57 a una profondità di 5 chilometri tra Ischia e la costa flegrea (Napoli). Un terremoto che ha provocato diversi danni a palazzi ed edifici, e causato un black out in alcune zone dell'isola. Uno dei due bambini rimasti intrappolati sotto le macerie è stato salvato dai vigili del fuoco, al lavoro da ore per estrarre i piccoli Mattias e Ciro, coinvolti dal crollo di un'abitazione.

IL BILANCIO - "12 feriti sono ancora ricoverati e gli altri dimessi" afferma all'Adnkronos il direttore generale della Asl Napoli 2 Nord, Antonio D'Amore, che si trova sull'isola. Si tratta comunque di feriti lievi: "Per la maggior parte hanno fratture, alcuni dovranno essere sottoposti a interventi ortopedici". D'Amore conferma inoltre che "sta bene" il neonato di sette mesi salvato dalle macerie del crollo di una casa. "Ha anche bevuto del latte, è vicino alla sua mamma - continua il dg - mentre il papà è tornato sul posto per gli altri fratellini". Solo uno dei 39 feriti è in condizioni più serie, ma comunque non sarebbe in pericolo di vita. Si tratta del 44enne T.M., trasferito all'ospedale Carderelli di Napoli e attualmente in prognosi riservata. Il paziente, si legge nel bollettino diramato dall'ospedale, ha riportato " un trauma da schiacciamento con frattura del bacino e sfondamento della cavità acetabolare sinistra".

Nella notte i vigili del fuoco hanno scavato senza sosta tra i calcinacci e le macerie della palazzina in località La Rita del comune di Casamicciola, recuperando in vita tre persone e il più piccolo dei bambini intrappolati. Le attività di ricerca e soccorso delle persone che risultano ancora disperse continuano, in particolare nei comuni di Casamicciola e Lacco Ameno. Il corpo senza vita di una donna anziana rimasta coinvolta nel crollo della chiesa di Santa Maria del Suffragio è stato recuperato nella notte, mentre quello di una seconda vittima sarebbe stato individuato sotto le macerie di un'abitazione. Sarebbe dunque destinato ad aggravarsi il bilancio ufficiale.

A Forio e negli altri comuni "non ci sono stati danni come a Casamicciola e Lacco Ameno, vicino all'epicentro della scossa" ha detto all'Adnkronos il sindaco di Forio a Ischia Francesco Del Deo. "Stiamo facendo verifiche - continua - c'è stato solo il crollo di una vecchia cantina. Verifiche anche sulle chiese più antiche, ma comunque il patrimonio urbano comunale a Forio non ha subito danni".

IL CASO DELLA MAGNITUDO - Inizialmente, sulla base dei dati della rete sismica nazionale si era stimata una magnitudo di 3.6, ma il valore è stato poi affinato grazie ai dati della rete sismica dell'Osservatorio vesuviano (sezione Ingv di Napoli). Ad aver subito i danni maggiori è la zona di Casamicciola, a nord di Ischia, dove il crollo della chiesa Santa Maria del Suffragio ha ucciso una donna. Il capo del dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli ha convocato il comitato operativo.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×