25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Montebelluna

Terzo settore: biblioteca gestita da cerebrolesi a Pederobba

Lavoreranno in cinque all’interno di un locale messo a disposizione gratuitamente da un imprenditore

commenti |

PEDEROBBA - Una sede distaccata della biblioteca comunale gestita da cinque persone menomate da lesioni cerebrali acquisite, all'interno di in un locale messo a disposizione gratuitamente da un imprenditore.

E' l'iniziativa che sarà inaugurata domenica 28 maggio, a Pederobba, e che arricchisce le attività del centro "Liberi di essere", gestito dall'ente Opere Pie di Onigo di Pederobba, il quale si occupa di cura ed assistenza di persone con disabilità acquisita in seguito ad infortuni, traumi e patologie.

 

La struttura è stata ricavata in un ufficio di 150 metri quadrati, all'interno di un nuovo stabile, reso disponibile gratuitamente con un contratto di comodato di tre anni da un imprenditore di Cittadella (Padova).

Nel punto prestito di Pederobba saranno anche disponibili libri e sussidi per ipovedenti e la sezione sarà curata da persone portatrici di handicap di questa natura.

 

L'intenzione, ha spiegato il sindaco, Marco Turato, è quella di introdurre "un innovativo approccio alla disabilità pensando alle persone portatrici di handicap come capaci di assumere un ruolo importante nella società, rimuovendo la presenza di barriere culturali e fisiche che impediscono la piena partecipazione delle persone alla vita sociale". 

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×