17/07/2018quasi sereno

18/07/2018sereno

19/07/2018quasi sereno

17 luglio 2018

Treviso

Tetto danneggiato dall'aereo: Ryanair risarcisce il pensionato trevigiano

La compagnia irlandese ha versato 25mila euro che Guido Favaro di Quinto di Treviso attendeva da 8 anni

commenti |

TREVISO - Ryanair ha versato i 25mila euro che Guido Favaro, il pensionato di Quinto di Treviso, attendeva per i danni arrecati al tetto della sua casa da un aereo della compagnia irlandese che volava troppo basso mentre atterrava allo scalo Canova di Treviso. Ad annunciarlo Roberto Simioni, presidente di Obiettivo Risarcimento società di tutoring che ha seguito la vicenda, confermando che alla fine la compagnia ha onorato l'obbligo impostogli dal Tribunale di pagare i danni. "Davide ha vinto contro Golia. La storia ogni tanto si ripete” - ha commentato Simioni.

Il proprietario dell'immobile di Quinto di Treviso, ha avviato l'iter nel 2009 quando il velivolo, in fase di atterraggio all' Aeroporto Canova di Treviso, ha danneggiato il tetto dell'abitazione per un importo di circa 8mila euro; il resto del risarcimento è collegato a interessi e spese procedurali e legali.  A confermare il danno, che ha portato alla sentenza di primo grado del Tribunale di Treviso, una perizia tecnico-ricostruttiva, che per la prima volta ha provato come un passaggio troppo ravvicinato di un volo, attribuito alla compagnia irlandese, effettivamente causò i danni ad una abitazione.

"Un caso molto complesso ma che fa capire come con fatica ed impegno si può ottenere giustizia. Di casi ne seguiamo molti e non sempre il lieto fine è 'così scontato' rispetto alla sentenza; questo perchè molti 'furbetti' confidano in cavilli e lungaggini della giustizia italiana sperando che chi ha diritto ad essere risarcito desista oppure, mal che vada, intervenga la prescrizione. Ma non abbiamo permesso che questo avvenisse per il caso del signor Guido”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×