20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018possibile temporale

20 giugno 2018

Mogliano

Tra Dese e Sile ecco un nuovo "parco agropaesaggistico"

Incontro illustrativo martedì sera a Forte Mezzacapo a Mestre. Il progetto è patrocinato dai comuni di Mogliano, Casier, Zero Branco e Preganziol

commenti |

forte mezzacapo

MOGLIANO - “Ville venete, paesaggio e progetto locale” è il tema dell’incontro che martedì 18 luglio alle ore 20.45 avrà luogo a Forte Mezzacapo, in via Scaramuzza, laterale di via Gatta a Mestre. E’ un appuntamento in programma nell'ambito del progetto per la promozione di un Parco Agropaessaggistico tra i fiumi Dese e il Sile.

Il progetto è patrocinato dai comuni di Mogliano Veneto, Casier, Preganziol e Zero Branco, e promosso da un gruppo di associazioni ambientaliste del territorio. Un'azione di animazione culturale alla quale dovranno seguire tavoli di lavoro partecipati per l'elaborazione di specifici progetti.

Opportunità economica o spreco di risorse? Questo il titolo dell’intervento a cura del prof. Tiziano Tempesta (Università di Padova) che aprirà l’incontro, dopo i saluti di un referente di Forte Mezzacapo e del Parco Agricolo "Tera Ferma", e la proiezione di un video di memorie del ‘900.

Seguiranno i contributi dei relatori di “Progetto Giovani” sul tema “Ville venete nella memoria del ‘900”. Giuliano Carturan, infine, concluderà la serata illustrando ai partecipanti “Il sistema delle ville venete nel progetto di Parco Agropaesaggistico”.

Il progetto, che ha già avuto sette incontri in precedenza, ha in calendario altri due appuntamenti, il 26 luglio a Casier, incentrato su “Itinerari tematici e turismo culturale”, per concludersi il 27 luglio a Mogliano Veneto sul tema “Costruiamo una identità territoriale ed un logo”.

 

Leggi altre notizie di Mogliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×