18/08/2018sereno con veli

19/08/2018sereno con veli

20/08/2018sereno

18 agosto 2018

Treviso

"Extracomunitari vengano inseriti nel corpo di Polizia"

"Cittadinanza attiva" su rissa in via Roma

commenti | (13) |

TREVISO - "Il giovane africano che martedì ha resistito alle forze dell'ordine ha commesso un grave sbaglio ma riteniamo che se fra le forze di polizia iniziassero ad essere assunti stranieri con nazionalità italiana o figli di immigrati certi episodi non accadrebbero".

 

Lo ha detto oggi il presidente del coordinamento "Cittadinanza Attiva", Emanuel Akakpovi Adjevi, al termine di un vertice dedicato all'arresto, avvenuto ieri in centro a Treviso, di un passeggero africano che, all'interno di un autobus, si era rifiutato di pagare il biglietto opponendosi poi alle forze dell'ordine. L'episodio, degenerato in una rissa fra l'uomo e cinque agenti che lo hanno poi immobilizzato a terra ed ammanettato, era avvenuto sotto gli occhi di molti passanti.

 

"Si è trattato di un caso isolato - spiega Akakpovi - e non intendiamo generalizzare per non rovinare un lungo lavoro di integrazione in questa città durato 25 anni. Probabilmente la persona coinvolta non si era ancora abituata alle regole e ignorava che, se non pagare un biglietto è un fatto di gravità moderata, è invece assolutamente sbagliato non fornire le proprie generalità".

 

Cittadinanza Attiva intende ora produrre pieghevoli multilingue di informazione sul comportamento da mantenere da distribuire, con il consenso dell'azienda di trasporto urbano, all'interno dei mezzi pubblici. "Vogliamo anche invitare le forze di polizia - conclude il presidente - a contattarci qualora simili episodi si ripetessero. La presenza di un mediatore culturale permetterebbe di evitare che la situazione possa deteriorarsi com'é accaduto martedì".

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


"...Il 34enne autotrasportatore nigeriano di Silea..."

Autotrasportatore di silea non sapeva che bisognava pagare il biglietto?
Autotrasportatore di silea non sapeva che se non pagava il bliglietto doveva pagare la multa?
Autotrasportatore di silea non sapeva che se fermato dalle autorità doveva dare le proprie generalità?
Autotrasportatore di silea non sapeva di essere in torto?

Ma quale integrazione?!?!? questi qua vogliono sempre avere ragione!!!
Si aggrappano al razzismo ed è per questo che ora è di nuovo libero...

Una settimana a santa bona! vediamo se dopo gli passa la voglia di prendere a schiaffi la polizia!!!

Ma guarda te... e secondo questo Emanuel Akakpovi Adjevi è pure colpa nostra...

Qua ci stanno prendendo per il culo e neanche di accorgiamo...

segnala commento inopportuno

Questa ipotesi è campata per aria. Stati come Francia e Gran Bretagna che hanno poliziotti non autoctoni non hanno nessun beneficio in termini di diminuzione dei reati.

Educate piuttosto queste persone a rispettare le leggi.

segnala commento inopportuno

serve un "mediatore culturale" per far capire che DEVI pagare il biglietto?
servono 5 poliziotti per "contenere" un pacifico soggetto?

segnala commento inopportuno

Emanuel Akakpovi Adjevi tornatene a casa tua a fare il cittadino attivo nel tuo paese invece che sparar sentenze (ebeti) qua da noi!
E cretini quelli che lo ascoltano e lo lasciano parlare. E' ora di finirla con questa ipocrisia!

segnala commento inopportuno

Oggi manco i nostri riescono ad entrare in polizia, neanche se hai il genitore poliziotto, arriva Scipione e gli diamo anche il commissariato!!!
Ma per favore, qui stiamo parlando di sicurezza!!
E che vogliamo mettere sta gente in pubblica sicurezza??? A posto stiamo!!!

segnala commento inopportuno

Premesso che non sia giustificabile quanto avvenuto, penso che i commenti a questo caso indicano un'ignoranza abissale per il tono e le considerazioni esposte.
Credo che soltanto un'apertura culturale e leggi che favoriscano un'integrazione umana possano dare risposte significative ai disagi che le persone provenienti da altre nazioni e con culture diverse ogni giorno devono affrontare.
Io manderei qualcuno dei commentatori a cercare lavoro e vivere all'estero.
Con questo ritengo che le leggi ed i comportamenti civili devono essere rispettati e non solo dagli immigrati.
Per pura curiosità informatevi quanti bravi giovani trevigiani non pagano il biglietto dei bus (chiedere all'ACTT)

segnala commento inopportuno

oltre a non pagare il biglietto questo giovanotto non voleva pagare neanche la multa... e visti i poliziotti voleva menarli...
L'integrazione deve, a mio avviso, arrivare prima da loro... loro devono rispettare le leggi e stare alle nostre condizioni... e mi creda... se fanno ciò hanno tutto l'appoggio di cui hanno bisogno...

Se io vado a casa di uno sconosciuto giro per casa sua a caso alla ricerca di un bagno e poi magari piscio fuori? oppure chiedo gentilmente "dov'è il gagno" e tengo pulito?

Noi siamo anche troppo buoni...

Lei parla di ignoranza... io parlo di pazienza finita... siamo stufi di vedere questa gente impunita se commette reati...

Fosse stato un italiano avrei commentato allo stesso modo...

segnala commento inopportuno

Leggo l'ennesima stupidaggine di chi non ha la minima idea di cosa siano le leggi Italiane.

Dal testo dell'articolo si legge che il sig. Emanuel Akakpovi Adjevi ha detto:".......riteniamo che se fra le forze di polizia iniziassero ad essere assunti stranieri con nazionalità italiana o figli di immigrati certi episodi non accadrebbero".

?????
Qualcuno glielo spiega a questo signore che per legge CHIUNQUE abbia cittadinanza Italiana e non sia soggetto a restrizioni penali PUO' partecipare ai BANDI DI CONCORSO per essere, avendo i requisiti e superati gli esami, ASSUNTO tra le forze dell' ordine.

Basta fare domanda, oppure dobbiano NOI andare a chiedere "per piacere SI DEGNEREBBE di fare domanda per l'assunzione ?"

Sig. Emanuel Akakpovi Adjevi
Lei dimostra appieno la sua ignoranza delle leggi Italiane ed ha perso una grande occasione di stare zitto

segnala commento inopportuno

Jack54 tu manderesti i commentatori a la vorare all' estero? E' meglio che studi un po di storia dell' italia del dopoguerra, sappi che e' stato il paese con piu' emigrati di tutta europa e tra i mahg

segnala commento inopportuno

Contunua e tra i maggiori del mondo, siamo emigrati in francia, in belgio in germania, in svizzera ed in ogni stato ci siamo dovuti adattare alle sue leggi e silenzio ripeto silenzio, lo chieda a qualche emigrato, come deve essere, gli usi e i costumi di chi ti ospita vanno rispettati, eg jack quando lei e' ospite in casa di un amico sputa per terra, fa la cacca sul divano quando rientra la sera sbatte le porte? Sono loro che devono adattarsi a noi e non noi a loro, noi dobbiamo rispettarli e capire le loro esigenze nella misura che non danneggiano le nostre, sig. Jack visto che e' cosi benevolo perche non ne accoglie qualcuno in casa sua cosi potra' dare un buon esempio di integraxione, facile fare commenti sulla testa della collettivita', abbiamo disoccupati a cui non diamo nulla e questi in alcuni casi li manteniamo in albergo, io propongo di mandarli a cada dei benpensanti che si riempiono la bocca con la parola tolleranza e vediamo quantu dura.
Poi farli diventare poliziotti idee da cervello bruciato, ma e' pazzesco quando leggo certi commenti mi chiedo perche hanno chiuso i manicomi criminali, mi fermo per pieta' di chi sostiene certe tesi.

segnala commento inopportuno

Caro Jack54 ti parla persona che ha avuto i genitori emigrati in Svizzera e ti assicuro che i loro racconti erano di una stretta sorveglianza tedesca affinchè gli stranieri eseguissero alla lettera le loro regole. Inoltre posso assicurarti che se vai in paesi Nord Africa come lo siamo stati noi per 4 anni nonostante siamo più evoluti come civiltà loro sono molto più razzisti e tu straniero ti devi adeguare alle loro regole anche se sono a nostro avviso regressive altrimenti vai in prigione senza discutere. Non c'è integrazione per noi sei tu che devi adeguarti a loro. Io credo che un po di ordine bisogna farlo quà in questa povera Italia che permette tutto e di più.

segnala commento inopportuno

Guardate nessuno ha dato ragione al nigeriano.ha torto 100 per 100 per il suo comportamento.visto per caso ho assistito a tutta scena,e dopo 30 minuti tra botte e maltratamenti,sono stato io straniero(italo togolese) come lui,a convincerlo a farsi ammanetare in solo 1 minuto.Alllora dico:se io fossi tra quei 5 agenti le cose non sarrebbero andate cosi.Ed e^ solo un mio pensiero

segnala commento inopportuno

Guardate nessuno ha dato ragione al nigeriano.ha torto 100 per 100 per il suo comportamento.visto per caso ho assistito a tutta scena,e dopo 30 minuti tra botte e maltratamenti,sono stato io straniero(italo togolese) come lui,a convincerlo a farsi ammanetare in solo 1 minuto.Alllora dico:se io fossi tra quei 5 agenti le cose non sarrebbero andate cosi.Ed e^ solo un mio pensiero

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×