15 settembre 2019

Vittorio Veneto

Il traforo di Sant'Augusta terminato entro aprile, con 2 anni e mezzo di ritardo

Il cronoprogramma prevedeva che fosse ultimato entro l'agosto del 2016

Claudia Borsoi | commenti |

VITTORIO VENETO - Per il 3 aprile 2019 saranno ultimati i lavori della variante alla statale 51 La Sega - Rindola. Lo annuncia l'Anas, la società titolare dell'opera. «Visto che mancano poco più di due mesi, sarebbe un miracolo italiano» commenta il consigliere Matteo Saracino (Partecipare Vittorio) che nutre dunque dubbi su questo ricalcolo dei tempi. I lavori oggi registrano un avanzamento pari all’87,26% (fonte Anas).

 

Quando l’opera, meglio nota come traforo di Santa Augusta, venne consegnata alla ditta vincitrice dell’appalto – era il 10 ottobre 2013 –, il cronoprogramma prevedeva che fosse ultimata entro il 16 agosto 2016. Da allora sono passati due anni e mezzo e il cantiere è ancora aperto. Era stato detto che la strada sarebbe stata ultimata per il 2018, ribattezzandola “l’opera del Centenario”. Ma nemmeno così è stato.

 

Il 17 maggio 2018 veniva abbattuto l’ultimo diaframma della galleria. Da allora i lavori sono proseguiti dentro il colle Marcantone, per posare tutti i sotto-servizi, e fuori per ultimare svincoli e strade. Ma pare ora che l’opera si sia bloccata sul suo innesto sud con via Carso. Ad oggi l’unica certezza è che arriverà a Rindola, dove si sta costruendo una rotatoria ancora allo stato grezzo.

 

«Ad oggi, accedendo al sito del Ministero dell’ambiente, risulta che la procedura per la valutazione di impatto ambientale dello svincolo con via Carso sia sospesa per ulteriori approfondimenti – afferma Saracino – e di fatto ad oggi uno svincolo sud non esiste. Non credo che in due mesi riescano a fare un progetto definitivo per questa uscita, che forse per essere realizzata necessita anche di una nuova gara d’appalto. La prossima amministrazione comunale si troverà sul groppone questa uscita con tutte le sue ricadute negative sulla viabilità esistente. Pure la Provincia ha sottolineato come non sia stato fatto uno studio sull’impatto che avrà questo raccordo sul traffico già esistente, vista poi la presenza di una scuola a pochi metri dalla rotatoria».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×