16 dicembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Tragedia del Molinetto della Croda, rinvio a giudizio per quattro

Chiesta l'archiviazione per il sindaco Loredana Collodel

commenti |

commenti |

Tragedia del Molinetto della Croda, rinvio a giudizio per quattro

REFRONTOLO - E’ stato chiesto il rinvio a giudizio per tre tecnici e per il presidente della pro loco di Refrontolo per la tragedia del Molinetto della Croda.

 

Queste le richieste depositate dalla Procura al termine delle indagini: i reati contestati sono quelli di concorso in omicidio colposo plurimo e disastro colposo.

 

Il rinvio a giudizio è stato chiesto per il presidente della pro loco Valter Scapol, per il geologo Celeste Granziera, per il responsabile dello studio Tepco Leopoldo Saccon e per l’architetto capo ufficio del comune Annalisa Romitelli.

 

Per quanto riguarda i tecnici, si tratta dei firmatari del Pat in vigore al tempo dei fatti: quel piano di assetto del territorio non indicava l’area del Molinetto come a rischio esondazione.

 

Per Scapol invece l’accusa è quella di aver concesso la struttura per attività che non erano quelle per cui era stata installata, senza aver avuto peraltro la necessaria autorizzazione comunale.

 

Per il sindaco Loredana Collodel è invece arrivata la richiesta di archiviazione, visto che in qualità di primo cittadino si è affidata al giudizio delle persone incaricate di redigere il Pat.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

20/04/2018

Pro Loco, si riparte

Dopo lo stop solidale per Scapol, indagato per il disastro del Molinetto, le attività ricominciano

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×