15/11/2018quasi sereno

16/11/2018quasi sereno

17/11/2018sereno

15 novembre 2018

Treviso

Trasporto scolastico, treni-navetta per i 1.200 studenti delle scuole di Lancenigo

Riattivato il servizio grazie all'accordo tra Mom e Trenitalia

commenti |

TREVISO - Al suono della prima campanella dell'anno scolastico sono stati attivati per gli studenti tutti i trasporti di Mom per i percorsi casa-scuola e le navette per gli istituti scolastici. Per gli studenti degli istituti superiori di Lancenigo-Villorba anche quest’anno è stato attivato il trasporto navetta su treno in accodo con Trenitalia.

Una scelta, l'utilizzo dei treni navetta, che Mom invita a compiere nel rispetto della tutela ambientale e del risparmio di tempo per gli stessi utenti. “Anche per l'anno scolastico che si è appena avviato – spiega il direttore Generale Mom, Giampaolo Rossi – tutti gli studenti che si recano negli istituti a nord della città potranno usufruire del servizio di navetta veloce effettuato con il treno, in sostituzione del trasporto tramite autobus. Un servizio ormai consolidato nel tempo e realizzato appositamente per servire gli Istituti di Lancenigo: Itis Planck, Alberghiero Alberini e Centro di Formazione Professionale”.

Con l’abbonamento Mom gli studenti possono infatti utilizzare alcuni dei treni in servizio sulla linea ferroviaria Treviso-Udine, dimezzando i tempi di percorrenza e riducendo quelli di attesa, con un notevole risparmio in termini di inquinamento ambientale.

Un servizio di trasporto pubblico integrato avviato già nel 2016 di cui possono avvalersi gli oltre 1.200 studenti che da settembre a giugno si recano a Villorba, grazie a 9 treni dedicati (2 al mattino e 7 per il rientro nelle diverse fasce orarie) che fanno fronte alle esigenze degli studenti di tutti gli istituti. Inoltre la presenza di un percorso pedonale delimitato consente al gran numero di studenti di raggiungere in piena sicurezza le scuole.

“L'accordo tra Mom e Trenitalia è stato il primo nel suo genere operativo in Veneto – prosegue il presidente Mom, Giacomo Colladon - e ha segnato l'avvio di una mobilità davvero sostenibile, diminuendo il traffico stradale, riducendo le emissioni di Co2 nell'ambiente e ottimizzando i servizi di tutta la rete, grazie alla ridistribuzione del personale dove è veramente necessario. Un ottimo risultato che, con la regia dell’assessore regionale De Berti, ci ha convinti a studiare la possibilità di ripetere l’esperimento anche con la stazione di Santi Quaranta”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×