25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

27/06/2017parz nuvoloso

25 giugno 2017

Treviso

Treviso invasa dalle note del Jazz

Concerti in piazza e nei palazzi storici con artisti internazionali, al via venerdì 13 maggio "Treviso Suona Jazz"

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Treviso avvolta dalle calde note del Jazz. La città si trasforma in una grande palco per ospitare le Big band dei Conservatori italiani e con artisti rappresentativi del panorama jazzistico nazionale ed internazionale, ma anche workshop e jazz lunch.

Torna, dal 13 al 18 maggio, “Treviso Suona Jazz”, il festival nato dell’Associazione Culturale Urbano Contemporaneo che abbina musica di qualità a luoghi di interesse storico ed artistico, attraverso una stretta collaborazione con Conservatori di Musica Agostino Steffani Castelfranco Veneto e Francesco Venezze di Rovigo. “Il consolidamento dei rapporti con due importanti Conservatori italiani e la realizzazione di workshop con gli artisti - dichiara Nicola Bortolanza direttore artistico della rassegna - sono aspetti di fondamentale importanza che dimostrano la crescita di una rassegna che per i prossimi anni vorrà offrire alla cittadinanza nuove opportunità culturali e di aggregazione sociale” . La manifestazione, che lo scorso anno richiamò oltre 10.000 presenze provenienti anche da fuori provincia, per la sua seconda edizione aumenta la proposta musicale passando da 3 a 6 giorni di musica e concerti.

Si parte con il gran concerto di venerdì 13 maggio, alle 20.45, che ospita a palazzo Da Borso, i Newropean Quartet. Formatosi nel 2006 in occasione di un tour in Austria, Repubblica Ceca e Germania, il quintetto è diretto dal talentuoso sassofonista tedesco Ralph Reichert con Danilo Memoli al pianoforte, Pietro Ciancaglini al contrabasso e Joris Dudli alla batteria.

 Sabato 14 e domenica 15 sotto la Loggia dei Cavalieri si esibiranno le Big Band dei conservatori Venezze di Rovigo e Steffani, la cantante romana Ada Montellanico e il coro polifonico Steffani.

Domenica sera la sassofonista Helga Plankensteiner,(nella foto), membro stabile della Carla Bley Bigband (Usa), della Torino Jazz Orchestra, e della Dani Felber Bigband, si esibirà a palazzo Giacomelli, alle 20.45. In esclusiva per il pubblico di Treviso, la baritonista altoatesina, nominata nel 2009 tra i dieci migliori talenti del jazz italiano, suonerà con Alma Swing, quintetto con una singolare esperienza di ricerca musicale che recepisce una tradizione tipicamente europea. Con la silhouette dell’orchestra rétro e un organico acustico in cui rimangono protagonisti le tipiche chitarre manouche ed il violino, AlmaSwing interpreta con personalità le suggestioni di un'epoca impresse nel vinile e nella voce dei grammofoni, sottolineando l'attualità e il successo ancora oggi tributati a questa esperienza artistica dalla temperie culturale internazionale.


A chiudere il programma della seconda edizione, mercoledì 18 maggio a Palazzo Cà dei Ricchi, tre musicisti eccelsi del panorama europeo attivi da decenni sulla scena jazz Italiana ed Europea. Il pianista Bruno Cesselli, il contrabbassista Ares Tavolazzi, e il batterisa Zlatko Kaucici, grandi musicisti che presenteranno un omaggio dedicato alla memoria del grande trombettista e compositore canadese Kenny Wheeler (1930 - 2014), con il quale i tre musicisti hanno collaborato.

I biglietti sono disponibili al negozio Mezzoforte (via Pascoli 11), a Treviso. Mentre i concerti all’aperto sono ad ingresso libero e gratuito, con trasferimento all’auditorium delle Stefanini in caso di maltempo.

Tutte le informazioni e il programma sul sito www.trevisosuonajazz.it.

 



Isabella Loschi

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×