23/05/2017piovaschi e schiarite

24/05/2017possibile temporale

25/05/2017quasi sereno

23 maggio 2017

Treviso

Treviso invasa dalle note del Jazz

Concerti in piazza e nei palazzi storici con artisti internazionali, al via venerdì 13 maggio "Treviso Suona Jazz"

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Treviso avvolta dalle calde note del Jazz. La città si trasforma in una grande palco per ospitare le Big band dei Conservatori italiani e con artisti rappresentativi del panorama jazzistico nazionale ed internazionale, ma anche workshop e jazz lunch.

Torna, dal 13 al 18 maggio, “Treviso Suona Jazz”, il festival nato dell’Associazione Culturale Urbano Contemporaneo che abbina musica di qualità a luoghi di interesse storico ed artistico, attraverso una stretta collaborazione con Conservatori di Musica Agostino Steffani Castelfranco Veneto e Francesco Venezze di Rovigo. “Il consolidamento dei rapporti con due importanti Conservatori italiani e la realizzazione di workshop con gli artisti - dichiara Nicola Bortolanza direttore artistico della rassegna - sono aspetti di fondamentale importanza che dimostrano la crescita di una rassegna che per i prossimi anni vorrà offrire alla cittadinanza nuove opportunità culturali e di aggregazione sociale” . La manifestazione, che lo scorso anno richiamò oltre 10.000 presenze provenienti anche da fuori provincia, per la sua seconda edizione aumenta la proposta musicale passando da 3 a 6 giorni di musica e concerti.

Si parte con il gran concerto di venerdì 13 maggio, alle 20.45, che ospita a palazzo Da Borso, i Newropean Quartet. Formatosi nel 2006 in occasione di un tour in Austria, Repubblica Ceca e Germania, il quintetto è diretto dal talentuoso sassofonista tedesco Ralph Reichert con Danilo Memoli al pianoforte, Pietro Ciancaglini al contrabasso e Joris Dudli alla batteria.

 Sabato 14 e domenica 15 sotto la Loggia dei Cavalieri si esibiranno le Big Band dei conservatori Venezze di Rovigo e Steffani, la cantante romana Ada Montellanico e il coro polifonico Steffani.

Domenica sera la sassofonista Helga Plankensteiner,(nella foto), membro stabile della Carla Bley Bigband (Usa), della Torino Jazz Orchestra, e della Dani Felber Bigband, si esibirà a palazzo Giacomelli, alle 20.45. In esclusiva per il pubblico di Treviso, la baritonista altoatesina, nominata nel 2009 tra i dieci migliori talenti del jazz italiano, suonerà con Alma Swing, quintetto con una singolare esperienza di ricerca musicale che recepisce una tradizione tipicamente europea. Con la silhouette dell’orchestra rétro e un organico acustico in cui rimangono protagonisti le tipiche chitarre manouche ed il violino, AlmaSwing interpreta con personalità le suggestioni di un'epoca impresse nel vinile e nella voce dei grammofoni, sottolineando l'attualità e il successo ancora oggi tributati a questa esperienza artistica dalla temperie culturale internazionale.


A chiudere il programma della seconda edizione, mercoledì 18 maggio a Palazzo Cà dei Ricchi, tre musicisti eccelsi del panorama europeo attivi da decenni sulla scena jazz Italiana ed Europea. Il pianista Bruno Cesselli, il contrabbassista Ares Tavolazzi, e il batterisa Zlatko Kaucici, grandi musicisti che presenteranno un omaggio dedicato alla memoria del grande trombettista e compositore canadese Kenny Wheeler (1930 - 2014), con il quale i tre musicisti hanno collaborato.

I biglietti sono disponibili al negozio Mezzoforte (via Pascoli 11), a Treviso. Mentre i concerti all’aperto sono ad ingresso libero e gratuito, con trasferimento all’auditorium delle Stefanini in caso di maltempo.

Tutte le informazioni e il programma sul sito www.trevisosuonajazz.it.

 



Isabella Loschi

Loading...

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Vaccini obbligatori per iscrivere i figli a nido e materna. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.914

Anno XXXVI n° 10 / Giovedì 25 maggio 2017

IL FUTURO SARA' L'AUTONOMIA?

Veneto autonomo? C’è il referendum Al voto il prossimo 22 ottobre. Insieme alla Lombardia. Obiettivo dei proponenti: meno Stato

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×