21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

21 ottobre 2017

Treviso

Treviso suona jazz apre il sipario con i Newropean Quartet

Domani a palazzo Da Borso il primo concerto che inaugura la rassegna che unisce arte e musica

commenti |

TREVISO - Al via la rassegna jazz che animerà il centro storico con i migliori musicisti nazionali ed internazionali. Treviso Suona Jazz, domani sera riparte con la seconda edizione ricca di novità. A partire dai giorni che raddoppiano, da tre a sei, e dall’esibizione delle Big Band dei conservatori Steffani di Castelfranco e Venezze di Rovigo.

La rassegna, ideata e curata dall'Associazione Urbano Contemporaneo, che lo scorso anno ha superato le 10mila presenze, vuole riportare la musica nei luoghi di pregio della città in un perfetto connubio tra la bellezza dell’architettura e le note calde della musica jazz che proietta lo spettatore in un dimensione ideale per gustare le performance.

Si parte domani venerdì 13 maggio, alle 20.45 a Palazzo Da Borso, in Piazza San Francesco 3, con l’inaugurazione della rassegna affidata al Newropean Quartet, formazione che vanta musicisti di fama internazionale. La creatività geniale di Ralph Reichert con il suo sax, la tavolozza di suoni del pianoforte di Danilo Memoli, il contrabbasso di Pietro Ciancaglini che fornisce alla musica un appoggio robusto e solide fondamenta, la forza motrice della batteria di Joris Dudli che sospinge il gruppo a cavalcare le onde melodiche e ritmiche dell'originale repertorio. Il gruppo sarà presente all’Istituto Manzato dalle 10 del mattino, per un workshop dedicato ai musicisti che ha registrato il tutto esaurito. Formatosi nel 2006 in occasione di un tour in Austria, Repubblica Ceca e Germania, il quintetto è diretto dal talentuoso sassofonista tedesco Ralph Reichert e dal pianista Danilo Memoli, che da anni accompagna alcuni dei migliori jazzisti in circolazione in Italia e che da oltre dieci anni è membro stabile del quartetto di Steve Grosssman.

I concerti proseguiranno sabato 14 e domenica 15 in Loggia dei Cavalieri (Auditorium Stefanini in caso di maltempo) con le Big Band dei conservatori Venezze e Steffani, il coro polifonico Steffani, fomarti dai migliori allievi del dipartimento jazz dei conservatori e la cantante romana Ada Montellanico.
 Domenica 15 alle 20.45 a Palazzo Giacomelli sarà il turno della baritonista altoatesina Helga Plankensteiner, sempre alla ricerca di nuove dimensioni espressive e la tradizione manouche e gitana di Alma Swing e Lino Brotto. Ma prima, per chi volesse gustarsi le note del jazz anche a pranzo, ecco i “Jazz Lunch”, la nuova proposta di “Treviso Suona Jazz”: sabato alle 13 appuntamento con Piergiorgio Caverzan e Attilio Pisarri all'osteria Arman, mentre domenica dalle 13 all'ecosteria Parco Santi Angeli di Giavera del Montello con Grazia di Grace e Luca Pisani.

A chiudere il programma mercoledì 18 maggio a Palazzo Cà dei Ricchi, alle 20.45, si esibiranno tre musicisti straordinari del panorama europeo, il pianista Bruno Cesselli, il contrabbassista Ares Tavolazzi, e il batterisa Zlatko Kaucici. Prima di salire sul palco, nel pomeriggio, i musicisti proporranno un interessante masterclass per contrabbassisti.

L’ingresso per i concerti al chiuso è di 12 euro, acquistabili a Mezzoforte, in via Pascoli 11 a Treviso.

Tutte le info sul sito www.trevisosuonajazz.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×