17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Oderzo Motta

"Troppi immigrati": il sindaco scrive al Ministro

Il primo cittadino Maria Scardellato, in una missiva, ha esposto a Marco Minniti, titolare del dicastero dell'Interno, le sue perplessità sul numero di ospiti presenti all'ex caserma Zanusso

commenti |

ODERZO – La sindaca dsi Oderzo Maria Scardellato scrive al Ministro dell´Interno Marco Minniti. Il primo cittadino di Oderzo ha esposto la sue perplessità sul crescente numero di ospiti presenti alla Zanusso di Oderzo.

All´ex caserma gli stranieri ospiti sarebbero ormai vicini a quota 400, si vocifera 380. Scardellato si chiede, e gira il quesito al Ministro, se reputi corretto che non vengano rispettati limiti anche tecnici evidenti. Su tutti, gli standard igienico sanitari.

L´impianto fognario, ad esempio, secondo il gestore può reggere fino a quota 280, esattamente come le strutture dove riposano gli stranieri. Alla lunga quei 100 in più potrebbero rappresentare un problema.

La sindaca  ha inviato la sua missiva al dicastero il 10 maggio scorso, per ora senza che sia arrivata alcuna risposta, come ricorda TopRadio.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

15/06/2018

Erba alta, lunedì lavori al via

Con una comunicazione via facebook, il sindaco di Oderzo Maria Scardellato conferma che il problema sarà risolto entro una decina di giorni

immagine della news

07/03/2018

"Radioattività all'ex Caserma Zanusso?"

Se lo chiede la consigliere Laura Damo che chiede lumi a Sindaco e Prefetto con un'interpellanza da discutere nel prossimo consiglio comunale di Oderzo

immagine della news

13/02/2018

Lara Corte entra in Giunta a Oderzo

Formalizzate lunedì le dimissioni dell'ex assessore alla cultura Gloria Tessarolo. Come anticipato a dicembre, cambio nell'esecutivo

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×