13 novembre 2019

Vittorio Veneto

Troppo materiale nella cava di via Nove alto, stop ai lavori di ripristino ambientale

L'ordinanza emanata dal comune: "Significative difformità nell'esecuzione dei lavori"

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Troppo materiale nella cava di via Nove Alto, e i lavori di ripristino ambientale vengono interrotti. Il comune ha infatti emanato un’ordinanza con cui viene sospeso l’intervento all’ex cava “Costa d’ Andros”, riempita in gran parte con i materiali di risulta del Traforo di Sant’Augusta.

 

Il sopralluogo del 4 settembre ha registrato la presenza di “significative difformità nell’esecuzione dei lavori rispetto a quanto autorizzato” con il permesso di costruire rilasciato nel 2014. Nello specifico, lo stop ai lavori è determinato dalla “presenza di volumi di riporto materiale significativamente superiori a quelli autorizzati, e tali da comportare una morfologia del versante verso la SS51 e le abitazioni ad essa prospicienti del tutto diversa da quella contenuta nel progetto approvato”.

 

Il comune ha ordinato quindi alla ditta “Fal” di Pieve di Soligo, proprietaria dell’area e impresa esecutrice del ripristino ambientale, l’immediata interruzione dei lavori.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

06/11/2017

Cadavere emerge dalla cava

L'episodio è accaduto lunedì nelle acque di una cava in via Vecchia Trevigiana a Lughignano di Casale: la vittima è il 63enne Omero Mestriner

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×