20/07/2018temporale e schiarite

21/07/2018temporale e schiarite

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

Montebelluna

Trova la morte dopo aver festeggiato il suo primo esame universitario

La 20enne Federica Brollo aveva trascorso la serata in un locale con il fidanzato

commenti |

federica brollo morta schianto altivole

ALTIVOLE-CAERANO - E’ morta abbracciata al suo fidanzato, a soli 20 anni. Aveva deciso di festeggiare il superamento del suo primo esame universitario, Federica Brollo, e aveva trascorso la serata di una discoteca di Monfumo. Momenti di divertimento e spensieratezza, terminati in tragedia: perché all’alba di ieri l’auto su cui viaggiava è andata fuori strada, causando la morte della giovane.

 

Uno schianto terribile, con il pick up rovesciatosi nel fossato, dopo una carambola fatale. Il fidanzato Francesco Zilio, 21enne, è rimasto gravemente ferito. Per Fede invece non c’è stato nulla da fare, nonostante l’eroico intervento di alcuni passanti che hanno fatto di tutto per aiutare i due fidanzati. I soccorsi del Suem 118, arrivati celermente sul luogo dell’incidente, non sono bastati a salvare la 20enne.

 

 

Fede lavorava in un bar di San Vito, e aveva trascorso la serata insieme ad una collega e ai rispettivi fidanzati. Diplomatasi al liceo scientifico, si era iscritta quest’anno all’università di Padova, al corso di laurea in progettazione e gestione del turismo culturale. Si dava però da fare, lavorando in un bar di Altivole. Un paese, insieme a quello di Caerano – dove la ragazza viveva – ora sotto shock.

 

Un passato da sportiva, nel nuoto sincronizzato: una passione che continuava a coltivare, visto che da settembre era entrata nel gruppo master. E’ morta tra le braccia di Francesco, che è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Montebelluna. Si indaga anche sulla dinamica dell’incidente: come riporta il Gazzettino, verrà aperto un fascicolo per omicidio stradale. Il mezzo è stato sequestrato, per permettere i rilievi del caso.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×