21/05/2018parz nuvoloso

22/05/2018temporale e schiarite

23/05/2018possibile temporale

21 maggio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Trovano il suo indirizzo nell'immondizia abbandonata: multa da 600 euro per l'ecofurbo

Il sindaco Colmellere annuncia l'arrivo delle telecamere

commenti |

MIANE - Tolleranza zero nei confronti di chi abbandona rifiuti sul territorio comunale. Dopo le diverse iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza in tema ambientale, il sindaco di Miane Angela Colmellere ha deciso di intraprendere una vera e propria battaglia per la tutela dei boschi e delle strade del comune, dove troppo spesso vengono abbandonati sacchetti di immondizia.

 

“Nei giorni scorsi – racconta Colmellere – ho dato incarico agli operai comunali di aprire i sacchetti e cercare indizi sui loro ‘proprietari’. E così è stato: in una busta è stato reperito un talloncino postale con l’indirizzo di chi lo aveva abbandonato; questo cittadino verrà multato, per un ammontare di 600 euro come prevede la normativa vigente”.

 

Nel 2016 il Comune di Miane ha registrato una percentuale record di raccolta differenziata, che ha superato l’80% (per l’esattezza 82,7%, dato Legambiente) come accade dal 2012. Solo nel 2013 il dato era leggermente superiore.

 

“Tutto questo è frutto di politiche di sensibilizzazione costanti, non ultima la Giornata ecologica che un mese fa ha visto impegnate decine di mianesi, tra cui moltissimi giovani, nella raccolta di rifiuti abbandonati”, spiega Colmellere.

 

Che aggiunge: “Non è finita qui. Proprio perché molti mianesi sono così attenti, è giusto punire gli incivili. D’accordo con Savno, stiamo studiando la collocazione di videocamere per controllare chi trasgredisce le regole di un corretto porta a porta”.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×