13/11/2018nubi basse e schiarite

14/11/2018parz nuvoloso

15/11/2018quasi sereno

13 novembre 2018

Esteri

Trump-Cina, guerra dei dazi

commenti |

La Casa Bianca ha annunciato dazi del 25% su prodotti cinesi per un valore di 50 miliardi di dollari a causa di "pratiche commerciali sleali". I prodotti presi di mira comprendono "significative tecnologie industriali". Il commercio fra Stati Uniti e Cina "è stato sleale, per molto tempo. La situazione non è più sostenibile", afferma il comunicato della Casa Bianca. Il comunicato avverte Pechino che intende reagire se vi saranno rappresaglie commerciali. "Gli Stati Uniti - si legge- imporranno ulteriori tariffe se la Cina adotterà misure di rappresaglia".

I nuovi dazi entreranno in vigore il 6 luglio, come ha reso noto l'ufficio del rappresentante Usa per il Commercio, Robert Lighthiz. "Dobbiamo intraprendere forti azioni difensive per proteggere la leadership americana nella tecnologia e l'innovazione contro la minaccia senza precedenti rappresentata dal furto cinese di proprietà intellettuale, il trasferimento forzato di tecnologia americana e i cyber attacchi contro le nostre reti di computer", dichiara Lighthizer.

Stando a quanto riporta la Cnn, la luce verde è stata data da Trump dopo l'incontro alla Casa Bianca con il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, quello al Commercio Wilbur Ross e il rappresentante per il Commercio Robert Lighthizer. A fine maggio la Casa Bianca aveva reso noto che avrebbe pubblicato il 15 giugno una lista di prodotti cinesi sui quali aveva intenzione di applicare dazi del 25%.

Intervistato dal programma 'Fox and Friends' su Fox news, Trump ha detto che nuovi dazi aiuteranno a proteggere i "segreti" degli Stati Uniti. "Abbiamo una grande forza di cervelli nella Silicon Valley e la Cina, così come altri, rubano questi segreti. Ora proteggeremo questi segreti, che sono i gioielli della corona del nostro paese". Trump non ha chiarito se vi sia o meno "una guerra commerciale" con Pechino. "La guerra commerciale è stata cominciata da loro e gli Stati Uniti hanno perso", ha affermato, aggiungendo successivamente: "Non c'è una guerra commerciale".

Pechino però promette rappresaglie. La Cina ha fatto sapere che introdurrà "immediatamente misure di tassazione di pari forza e ampiezza" a quelle annunciate dagli Stati Uniti. A renderlo noto è il ministero del Commercio cinese. Il ministero parla di "guerra commerciale" e di azione che "mina l'ordine commerciale mondiale".

"Tutti i risultati economici ed economici raggiunti dai due paesi saranno invalidati - afferma il ministero - ci rincresce profondamente che gli Stati Uniti abbiano ignorato il consenso raggiunto e provocato una guerra commerciale". "Questo passo non solo danneggia gli interessi bilaterali ma mina anche l'ordine commerciale mondiale", nota il ministero. La Cina esorta infine tutti i paesi ad agire assieme contro "il comportamento datato e regressivo" degli Stati Uniti.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×