20/08/2017quasi sereno

21/08/2017quasi sereno

22/08/2017quasi sereno

20 agosto 2017

Esteri

Trump: "Taglio delle tasse epocale, cancelleremo l'Obamacare"

commenti |

"Quello che oggi stiamo testimoniando è il rinnovo dello spirito americano. I nostri alleati sapranno che l'America è ancora una volta pronta a guidare il mondo". Così il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato il suo primo discorso davanti al Congresso riunito in seduta comune. Con toni nettamente più ottimisti e concilianti rispetto a quelli dell'inaugurazione, il tycoon ha illustrato un'agenda ampia incentrata sulla creazione di posti di lavoro, riforma dell'immigrazione e sicurezza nazionale. "Tutte le nazioni del mondo, amici o nemici capiranno che l'America è forte, l'America è orgogliosa, l'America è libera", ha detto, inneggiando "all'inizio di un nuovo capitolo della Grandezza Americana", a "un nuovo orgoglio nazionale che sta conquistato il Paese" e a "un'ondata di ottimismo che sta mettendo alla nostra portata sogni impossibili". "D'ora in avanti l’America sarà guidata dalle nostre aspirazioni, non oppressa dalle nostre paure. Dobbiamo avere il coraggio di esprimere le nostre speranze. E sperare che queste speranze e i nostri sogni si trasformino in azioni", ha affermato in un passaggio del suo discorso.

Tutti i numeri del discorso di Trump OBAMACARE - Il presidente degli Stati Uniti, ha invitato il Congresso Usa a "cancellare e rimpiazzare l'Obamacare con riforme che aumentino la possibilità di scelta, abbassino i costi ed allo stesso tempo forniscano una sanità migliore". "Dobbiamo salvare gli americani da questo disastro dell'Obamacare che sta implodendo", ha detto il leader Usa invitando repubblicani e democratici a "lavorare insieme". Senza dare ulteriori dettagli, Trump ha sottolineato l'importanza di fornire una copertura sanitaria più ampia e costi assicurativi più bassi. "Fare in modo che l'assicurazione sanitaria sia a disposizione di tutti e ridurre il costo di assicurazione sanitaria, è questo che faremo", ha detto.

ECONOMIA - Tra i temi affrontati, Trump ha posto particolare enfasi su quello del taglio delle tasse che ha definito "epocale" per venire incontro alle esigenze della classe media. "Stiamo mettendo a punto una storica riforma fiscale che ridurrà le aliquote per le nostre aziende in modo che possano competere, e allo stesso tempo, offrirà un sollievo fiscale massiccio alla classe media". Poi, sul fronte delle infrastrutture, il Presidente americano ha chiesto al Congresso di approvare una manovra da "mille miliardi di dollari di investimenti", finanziati con capitale pubblico e privato, per "creare milioni di nuovi posti di lavoro" e realizzare, a seconda delle necessità, "nuove strade, ponti, gallerie, aeroporti e ferrovie".

Quanto al commercio, il leader Usa è tornato a criticare pesantemente le intese di libero scambio. "Sono un forte sostenitore del libero scambio, ma abbiamo perso oltre un quarto dell'occupazione nell'industria da quando è stato approvato il Nafta" con Messico e Canada, ha sottolineato Trump, ribadendo la necessità di politiche commerciali protezionistiche a favore dei lavoratori americani.

NATO - "Sosteniamo fortemente la Nato, un'alleanza forgiata da due guerre mondiali che hanno detronizzato il fascismo e una Guerra Fredda che ha sconfitto il comunismo, ma i paesi membri devono rispettare i loro obblighi'', ha affermato ancora Trump durante il suo primo discorso tenuto davanti al Congresso, nel quale ha rilanciato la necessità di rivedere gli accordi commerciali e proteggere gli interessi americani. ''Ci aspettiamo che i nostri partner, nella Nato o in Medio Oriente, assumano un ruolo diretto e significativo nelle operazioni militari e paghino la loro giusta quota di costi'', ha detto il leader Usa, aggiungendo che gli alleati "stanno iniziando" a corrispondere i loro obblighi finanziari. In un passaggio del proprio intervento Trump ha poi ribadito la volontà di incrementare cospicuamente le risorse per la difesa, chiedendo al Congresso uno dei più grandi aumenti della spesa per la difesa della storia degli Stati Uniti, con l'obiettivo di ricostruire le forze armate. "Per mantenere l'America sicura dobbiamo fornire agli uomini e alle donne del nostro esercito tutti i mezzi necessari per prevenire le guerre. E, se necessario, per combattere e vincere".

"Le sfide che dobbiamo affrontare come nazione sono grandi. Ma il nostro popolo è ancora più grande. E nessuno è più grande o più coraggioso di coloro che combattono con l'uniforme degli Stati Uniti", ha sottolineato il presidente rendendo omaggio alla vedova del soldato William 'Ryan' Owens, morto nella prima operazione approvata da Trump contro al-Qaeda in Yemen lo scorso 20 gennaio.

Sul fronte internazionale, Trump ha promesso di "demolire e distruggere" lo Stato islamico con l'aiuto degli alleati nel mondo musulmano, "una rete di selvaggi senza legge che hanno massacrato musulmani e cristiani, uomini, donne e bambini di tutte le fedi e i credi". Il presidente ha ricordato che "come promesso", ha dato disposizioni al dipartimento della difesa di mettere a punto un piano contro il gruppo terrorista e ha assicurato che gli Usa lavoreranno con i propri alleati, "compresi gli amici e gli alleati del mondo musulmano, per eliminare questo vile nemico dal nostro pianeta".

IMMIGRAZIONE - Riforme per implementare un sistema di immigrazione "basato sul merito", propone il presidente americano, annunciando il nuovo bando atteso per le prossime ore. Con toni più concilianti e meno combattivi rispetto a quelli usati durante i primi giorni di presidenza, il leader Usa ha spiegato che credere che " che una riforma dell'immigrazione vera e positiva sia possibile se ci concentriamo sui seguenti obiettivi: aumentare i posti di lavoro e i salari degli americani, rafforzare la nostra sicurezza nazionale e ripristinare il rispetto delle nostre leggi". "Se adottiamo un sistema basato sul merito - ha osservato - ne trarremo molto benefici. Aumenteremo i salari, aiuteremo i disoccupati, risolleveremo le sorti delle famiglie, comprese quelle immigrate, risparmieremo miliardi e miliardi di dollari e renderemo le nostre comunità più sicure per tutti". "Il sistema attuale è obsoleto, danneggia i salari dei lavoratori più poveri e aumenta la pressione fiscale sui contribuenti. In tutto il mondo Paesi come il Canada, l’Australia o molti altri hanno politiche migratorie basate sul merito", ha affermato il Tycoon.

In merito a questo nuovo bando Trump ha poi affermato che "stiamo prendendo misure forti per proteggere il nostro Paese dal terrorismo radicale islamico. Non è compassione ma incoscienza permettere un ingresso incontrollato da luoghi dove non esistono controlli adeguati". Coloro che entrano negli Usa, secondo l'inquilino della Casa Bianca, "dovrebbero sostenere il nostro paese e i suoi valori. "Non permetteremo che gli Stati Uniti diventino un santuario per gli estremisti", ha aggiunto il presidente. Secondo indiscrezioni rilanciate ieri dalla stampa americana, il bando che si sta mettendo a punto sarà molto più limitato rispetto a quello bocciato dai giudici: non dovrebbe riguardare i visti esistenti, i residenti permanenti e le green card e non dovrebbe più coinvolgere l’Iraq, riducendo a sei i Paesi a maggioranza musulmana interessati.

Trump ha poi ribadito che sarà presto costruito "un grande grande muro" al confine con il Messico, che contribuirà a fermare il traffico di "droga e il crimine". In un passaggio del suo discorso, il presidente Usa ha anche condannando l'antisemitismo e il razzismo che hanno portato a serie di attacchi nelle ultime settimane, tra cui la sparatoria mercoledì sera in un bar di Kansas City e la profanazione di diversi cimiteri ebraici. "Le minacce recenti rivolte ai Centri ebraici e il vandalismo nei cimiteri, così come la sparatoria della scorsa settimana a Kansas City, ci ricordano che, mentre possiamo essere una nazione divisa sulle politiche, siamo un paese che si trova unito nel condannare l'odio e il male in tutte le sue forme", ha detto.

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×