25/05/2018quasi sereno

26/05/2018parz nuvoloso

27/05/2018quasi sereno

25 maggio 2018

Castelfranco

Tubercolosi al nido, necessario il trattamento preventivo

Gli specialisti raccomandano di proteggere i bambini in attesa del secondo test tubercolinico di Mantoux

commenti |

CASTELFRANCO - Il 17 marzo, come previsto, si è tenuto presso l’ospedale di Castelfranco Veneto l’incontro tra i pediatri di famiglia dei bambini che frequentano il Nido comunale, il primario della Pediatria ospedaliera, la specialista pneumologa del Dispensario Antitubercolare dell’Ulss 8 ed i medici del Servizio Igiene e Sanità Pubblica.

All’unanimità i medici hanno concordato sulla necessità di proteggere i bambini dal rischio di progressione verso la malattia tubercolare effettuando il trattamento preventivo con isoniazide per le sei settimane che mancano al momento del 2° test di Mantoux, previsto per la seconda settimana di maggio 2015. Così è raccomandato dal protocollo della Regione Veneto e da tutte le linee guida nazionali e internazionali.

 

I genitori sono stati invitati a rivolgersi al proprio pediatra di famiglia per iniziare il trattamento; in occasione dell’incontro col medico potranno richiedere ulteriori informazioni e chiarire eventuali dubbi. Per comodità delle famiglie sarà il pediatra a consegnare direttamente l’isoniazide, confezionata appositamente dalla Farmacia ospedaliera dell’Ulss 8.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×