28/06/2017temporale forte

29/06/2017parz nuvoloso

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Castelfranco

Tubercolosi al nido, necessario il trattamento preventivo

Gli specialisti raccomandano di proteggere i bambini in attesa del secondo test tubercolinico di Mantoux

commenti |

CASTELFRANCO - Il 17 marzo, come previsto, si è tenuto presso l’ospedale di Castelfranco Veneto l’incontro tra i pediatri di famiglia dei bambini che frequentano il Nido comunale, il primario della Pediatria ospedaliera, la specialista pneumologa del Dispensario Antitubercolare dell’Ulss 8 ed i medici del Servizio Igiene e Sanità Pubblica.

All’unanimità i medici hanno concordato sulla necessità di proteggere i bambini dal rischio di progressione verso la malattia tubercolare effettuando il trattamento preventivo con isoniazide per le sei settimane che mancano al momento del 2° test di Mantoux, previsto per la seconda settimana di maggio 2015. Così è raccomandato dal protocollo della Regione Veneto e da tutte le linee guida nazionali e internazionali.

 

I genitori sono stati invitati a rivolgersi al proprio pediatra di famiglia per iniziare il trattamento; in occasione dell’incontro col medico potranno richiedere ulteriori informazioni e chiarire eventuali dubbi. Per comodità delle famiglie sarà il pediatra a consegnare direttamente l’isoniazide, confezionata appositamente dalla Farmacia ospedaliera dell’Ulss 8.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

immagine della news

12/07/2015

Asilo in fiamme

Il fuoco devasta il nido della zona industriale di Scomigo

immagine della news

14/05/2015

Nuovo asilo nido a Ponte

Lo ha confermato il sindaco Paola Roma: «La struttura troverà posto nei locali della nuova ala delle scuole elementari di via Verdi»

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×