22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Ciclismo

Ultracycling, il trionfo di Mattia

L’eroe della corsa più dura del mondo è Mattia De Marchi con 30 ore e 26 minuti

Altri Sport

SARMEDE - Sabato sera, nella cornice del paese delle Fiabe, Sarmede, sono arrivati alla spicciolata gli atleti dell’Ultracycling, la gara più dura del mondo, con un grandissimo vincitore Mattia De Marchi, classe 1991, di Mirano; è lui il trionfatore dell’Ultracycling Dolomitica 2018.

“Si è conclusa la mia prima esperienza nel mondo delle ultracycling, devo ancora metabolizzare quello che ho fatto- scrive nel suo profilo fb Mattia - probabilmente ho cominciato a scrivere un nuovo capitolo della mia vita in bici. DURO, BELLO, MOLTO DURO, MA SOPRATTUTTO MOLTO PIÚ BELLO”.

Mattia è il numero 1, ma ci sono ben altri 28 eroi che hanno pedalato in questa difficile competizione e solo 5 si sono ritirati, dopo aver superato più di metà del percorso, per problemi fisici. Sì perché chi decide di partecipare a queste gare ha un qualcosa in più degli altri atleti: ha prima di tutto la voglia di vivere la sfida più difficile quella con se stesso e con i propri limiti. Sono atleti che hanno il fisico allenato e la mente fortemente motivata a raggiungere un obiettivo prefissato tanto che la fatica fisica viene quasi messa in secondo piano. Quest’anno molti italiani presenti ma anche una nutrita presenza straniera; alcuni sono ultracycler per scelta di vita e altri per mettersi alla prova; rimane che alla fine sono tutti degli atleti con caratteristiche eccezionali.

Denis Antoniol di Fontanelle, che non è nuovo a queste avventure con la sua bici, ha partecipato in team con Massimo Morandin e ancora con l’adrenalina palpabile di chi ha vinto la sua sfida personale afferma : “a volte ci sono fatiche che vale davvero la pena di vivere. Maggiori sono le fatiche e più grandi sono le emozioni che si provano”.

Anche il Team Eagles (Mario Ulian, Rudy Fattorel, Simone Perin, Andrea Tomasella- staff Toni Antoniazzi, Daniele Zamuner, Gianluca Sonego, Gianpaolo Bazzo) , un gruppo di amici della zona con la passione della bicicletta, è stato una grande rivelazione con il secondo tempo assoluto della competizione 31 ore e 3 minuti; una sfida dura e una condivisione di momenti di vita che unisce ancora di più. Sicuramente questa scommessa vinta ha aperto la strada a nuove sfide.

Se pensate 675 km, i 16 passi dolomitici e i 16.000 metri di dislivello passo dopo passo e ve li elenco tutti perché alcuni di questi sono davvero duri e difficili, in questa competizione si fanno uno di seguito all’altro, pedalata dopo pedalata, senza fermarsi; sono il Passo La Crosetta – Passo San Boldo – Monte Grappa – Col Perer – Passo Manghen – Passo Valles – Passo Duran – Forcella Staulanza Passo Fedaia – Passo Sella – Passo Gardena – Passo Valparola – Passo Giau – Forcella Cibiana – Passo Sant’ Osvaldo – Piancavallo.

Si è conclusa con grande successo anche questa edizione Ultracycling Dolomitica 2018 che è organizzata, ormai da 4 anni, con passione e competenza da Roberto Picco, che segue ogni particolare come se fosse davvero un figlio per lui affiancato dall’esperienza di Marco Formicone per la cronaca di tutta la manifestazione. Gli atleti si staranno già preparando per una nuova sfida perché sono quelle con noi stessi le più difficili. Piccole o grandi che siano, l’importante è vincerle! Riuscirci significa migliorare tutta la nostra vita.

Classifica finale

Under 50

1° Mattia De Marchi 30 ore 26 minuti

2° Edward Fuchs 32 ore 12 minuti

3° Andrea Baretemucci 34 ore 54 minuti

4° Emanuel Schinnerl 35 ore 14 minuti

5° Nico Mausch 36 ore 38 minuti

6° Gabrio Santin 36 ore 48 minuti

7° Enrico Scudeller 40 ore 9 minuti

8° Luca Viol 44 ore 28 minuti



Over 50

1° Jean Marc Besson 35 ore 20 minuti

2° Martin Bergmeister 36 ore 24 minuti

3° Edoardo D’Orsogna 38 ore 58 minuti

4° Michi Hange 41 ore 11 minuti

Self supported

1° Daniel Polman 35 ore 38 minuti

2° Mauro Casanova 40 ore 36 minuti

3° Silvano Incensi 41 ore 17 minuti



Donne

1° Daniela Genovesi 40 ore

2° Valentina Tanzi 41 ore 16 minuti



Team 2 1° Cinquini- Bukhanska 36 ore 11 minuti

2° Antoniol- Morandin 39 ore 26 minuti

Team 4

Team eagles: Ulian, Fattorel, Perin, Tomasella 31 ore 3 minuti

Alberta Bellussi

 

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×