30/03/2017quasi sereno

31/03/2017quasi sereno

01/04/2017quasi sereno

30 marzo 2017

Umbria: inaugurato anno accademico corsi infermieristica e fisioterapia.

Perugia, 10 gen. (Labitalia) - “Le lauree nelle professioni sanitarie offrono buone prospettive occupazionali, con possibilità di impiego nel pianeta della sanità, subito dopo terminati gli studi, anche grazie alla qualità dell’attività didattica svolta”. Lo ha affermato l’assessore regionale alla Coesione sociale e Welfare dell'Umbria, Luca Barberini, che stamani, insieme al rettore dell’Università degli studi di Perugia, Franco Moriconi, ha inaugurato, all’Auditorium San Domenico di Foligno, l’anno accademico 2016/2017 dei corsi di laurea in Infermieristica e in Fisioterapia che si svolgono nella sede folignate dell’ateneo.

“Si tratta di settori che creano professioni - ha proseguito l’assessore - di cui c’è un bisogno sempre maggiore, soprattutto considerando che oggi abbiamo un sistema sanitario che dovrà puntare molto sulle post acuzie, sull’assistenza, sulla riabilitazione con personale adeguatamente formato”.

“La positiva esperienza dei corsi di laurea in Infermieristica e Fisioterapia a Foligno - ha aggiunto l’assessore - è la dimostrazione che, quando c’è collaborazione fra diversi soggetti e istituzioni, si possono fare cose grandi e dà l’idea di un’Università che ha una storia e una tradizione, ma che è anche attenta alle necessità dei territori".

"Tutto questo - ha detto - s’inserisce nella volontà di intensificare e migliorare il rapporto di collaborazione tra il Servizio sanitario regionale e l’Ateneo perugino. Infatti, non è ipotizzabile un modello di sanità che non sia fondato su un rapporto stretto con l’Università, che è ricerca e innovazione e che può dare un contributo importante ai bisogni di salute dei cittadini”.

L’assessore Barberini ha quindi augurato agli studenti presenti “di affrontare il percorso di studi con serietà e responsabilità, tenendo a mente il monito del premio Nobel Nelson Mandela per il quale l’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo”.

Il rettore Moriconi, nel suo intervento, ha evidenziato come “la grande sinergia tra Università, territorio e sanità stia dando buoni frutti in tutta la regione” e come “Foligno stia diventando un polo universitario importante per il quale c’è l’impegno a trovare nuovi spazi”.

I corsi di laurea in Infermieristica e in Fisioterapia a Foligno sono stati attivati nell’anno accademico 2001/2002 e, dall’avvio al 31 dicembre 2016, hanno formato rispettivamente 750 e 400 laureati.

Secondo dati forniti dall’Università, in entrambe le discipline, è aumentata di anno in anno la percentuale di immatricolati che è riuscita a concludere il percorso di studi nei tempi stabiliti e con buoni voti.

Per quanto riguarda Infermieristica, sono 190 gli studenti attualmente iscritti, di cui 73 al primo anno, 55 al secondo e 62 al terzo e circa il 6% ha provenienza extra-regionale. Gli iscritti a Fisioterapia sono invece 98, di cui 35 al primo anno, 30 al secondo e 33 al terzo e circa il 16% viene da fuori regione.

 



AdnKronos

Loading...

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.910

Anno XXXVI n° 6 / 30 marzo 2017

TANTO DI CAPPELLO ALLE PENNE NERE

L’abbraccio della Marca agli alpini. Il capoluogo ospita per la terza volta l’adunata nazionale delle penne nere. Previste 400mila persone. L’organizzazione è del Coa con le quattro sezioni Ana della provincia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×