08 dicembre 2019

Nord-Est

Un aeroporto a Cortina. Dal prossimo anno

Se ne parla molto. Anche nelle sedi istituzionali. Ma c’è chi dice no

Emanuela Da Ros | commenti |

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti |

Un aeroporto a Cortina. Dal prossimo anno

CORTINA - La “perla” o la “pista” delle Dolomiti? E’ di grande attualità l’ipotesi di riaprire e ammodernare l’aeroporto a Cortina. La data su cui l’ipotesi insisteva sino a qualche giorno fa era quella del 2021, quando sulle Dolomiti si disputeranno i Mondiali invernali. Ma il governatore Zaia sembra intenzionato a cogliere...l’aereo al balzo molto prima. Già dal prossimo anno.

 

In un’intervista al Corriere delle Alpi, il governatore del Veneto assicura di avere già i contatti giusti (si parla di imprenditori interessati al progetto) per aprire l’aeroporto cortinese nel 2016. Ma se l’idea piace ai privati e alle istituzioni del luogo (favorevole si è dichiarato l’attuale sindaco di Cortina, Andrea Franceschi), qualcuno storce il naso. Come il direttore dell’Ecoistituto del Veneto Alex Langer, Michele Boato. “Leggo con spavento le proposte di riapertura dell'aeroporto di Cortina - afferma Boato in una nota -. Mi sembra un'idea pazzesca, che non tiene conto della pericolosità dei voli a bassa quota, di decolli ed atterraggi in questa zona di montagna, soggetta, oltre che a nebbie fittissime, anche a improvvise correnti vorticose, che hanno già provocato abbastanza morti nei brevi periodi di attività dell'aeroporto.”

 

Boato ricorda che ci sono stati almeno tre incidenti mortali relativi ai voli da/per Cortina: nel 1964, con due morti (uno era Cesare Rosà, l'inventore dell'aeroporto, in funzione dal 1962); nel 1967con quattro morti sul Fadalto, per nebbia, nel volo da Venezia a Cortina, a cui, nel 1968, era seguita la chiusura dell'aeroporto e nel 1976 con sei morti, tra cui l'amministratore della società AliAlpi e quattro consiglieri comunali. “Non sono sufficienti tali incidenti? -chiede Boato e insiste- Perché invece non si fa una forte alleanza tra cittadini, associazioni e istituzioni per una efficiente linea ferroviaria?”

 



foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×