21 settembre 2019

Nord-Est

Un alloggio con tutti i comfort. Per gli ultimi giorni di vita

A Cittadella l'Hospice Casa del Carmine

commenti |

CITTADELLA (PADOVA) - Accompagnare il paziente nell'ultima fase della sua vita, garantendogli la migliore assistenza possibile e accudendolo come tra le mura di casa: è l'obiettivo con cui opera da alcuni mesi il nuovo Hospice Casa del Carmine, attivato dall'Azienda Ulss 15 Alta Padovana di Cittadella.

 

Sei posti letto strutturati come piccoli appartamenti con numero civico, dotati di tutti i comfort, in cui gli ospiti possono vivere con un familiare, ricevere visite tutto il giorno e persino tenere un cagnolino nell'area verde comune. Ogni appartamento ha un suo 'numero civico' che lo contraddistingue come abitazione e comprende un bilocale attrezzato con sala da pranzo, cucina, bagno, camera da letto e ampie vetrate che si affacciano su un giardino comune.

 

L'Hospice fa capo al Ncp (Nucleo di cure palliative) dell'Azienda Ulss 15 Cittadella - Camposampiero, che nel 2011 ha preso in carico una media di 55 pazienti al mese svolgendo 329 consulenze, di cui 162 domiciliari e 167 ospedaliere, per l'attivazione dell'assistenza a domicilio e hospice. Il supporto psicologico ha permesso di aiutare 240 pazienti e loro nuclei familiari, mediante le consulenze psicologiche svolte a domicilio, in hospice e ambulatorialmente. Quasi 500 le valutazioni ambulatoriali per il trattamento del dolore neoplastico.

 

"Nel primo semestre 2012 - spiega il dottor Domenico Billeci, direttore del Ncp - la media mensile dei pazienti in carico è stata di 90 persone, 169 le consulenze palliativistiche, 81 domiciliari e 88 ospedaliere, per l'attivazione dell'assistenza, 150 quelle psicologiche e 250 le valutazioni ambulatoriali per il trattamento del dolore".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×