26/06/2017quasi sereno

27/06/2017piovaschi e schiarite

28/06/2017temporale e schiarite

26 giugno 2017

Un figlio ti mette a nudo

Categoria: Persone -

immagine dell'autore

Progetto Prospettive | commenti |

Quando vidi mio figlio per la prima volta e incrociai il suo sguardo ancora annebbiato dopo la nascita sentii una fitta al cuore.

 

Nonostante non vedesse bene capii che era la prima persona che avrebbe visto davvero tutto di me. Davanti a lui non avrei più potuto nascondermi: nella nostra relazione sarebbero emersi i miei lati migliori e i miei peggiori difetti. E non mi sbagliavo.

 

Nel rispondere alle sue domande o nell’affrontare le sue sfuriate, mi scopro a mettere in atto quei comportamenti dei miei genitori che tanto detestavo.

 

In questo conoscerci e riconoscerci provo tenerezza perché lui, così piccolo, è così potente. Un figlio sa essere un motore di cambiamento enorme: ti sottopone dubbi, ti mette al muro e ti costringe a rimettere in discussione cose che davi per scontate.

 

Può essere utile chiedersi: come si comportavano i miei genitori in situazioni simili? Come mi sentivo? Che emozioni mi richiama alla memoria ricordare quei momenti?

 

Quali elementi non mi piacciono e vorrei cambiare? cosa potrei fare di diverso io oggi come genitore?

 

E’ una sfida da cogliere e non da contrastare, altrimenti il rischio è di renderla sterile.

 

Se si è disposti a mettersi in gioco si può andare dove nemmeno si pensava di poter arrivare. Si può diventare persone nuove, più belle semplicemente perché più benevole verso se stesse.



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×