24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Montebelluna

Una mostra omaggia Ottorino Stefani ad un anno dalla morte

Aperta al pubblico nel foyer della Biblioteca comunale

commenti |

MONTEBELLUNA - Ad un anno dalla sua morte, Montebelluna omaggia l'artista pittore e poeta Ottorino Stefani e lo fa con una esposizione dal titolo “Vita a colori”, aperta al pubblico nel foyer della Biblioteca comunale.

Promossa dal Comune si Montebelluna, assieme alla 12esima Contrada, la mostra è stata curata da Lucio De Bortoli e Flavio Montagner, entrambi amici di Stefani. Sabato sera, nell’ambito dell’inaugurazione, c’è stato un momento per ricordare Stefani, una figura che ha dato tanto dal punto di vista artistico e didattico a Montebelluna e al Montello.

 

Durante la serata si sono alternati i ricordi di chi ha potuto apprezzare Stefani sia dal punto di vista umano, sociale, artistico e professionale. Tra questi, anche il sindaco attuale, Marzio Favero, e l'ex sindaco Francesco Adami.

 

Sono state anche lette alcune delle poesie di Stefani ed è stato proiettato un servizio Rai a lui dedicato risalente gli anni Settanta. Presenti anche la moglie Alma ed Eugenio Manzato, che ha curato la presentazione artistica.

 

L'esposizione, che raccoglie circa una ventina di opere gentilmente concesse dalla famiglia dell'artista, sarà accessibile dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 (il lunedì solo pomeriggio).

 

(Nella foto Stefani insieme alla dirigente dell’Ulss 8 Paola Corziali: nel 2011 donò quel suo quadro all’ospedale di Montebelluna)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×