14 novembre 2019

Uomini primitivi, con la macchina

Categoria: Altro - Tags: Alimentazione, dimagrire, dieta

immagine dell'autore

Eva Da Ros | commenti |

Quando pensiamo di esserci evoluti tanto negli ultimi anni, non facciamo i conti con la natura. Dentro, infatti, siamo rimasti gli stessi uomini primitivi che viveno nella savana o nei boschi: il nostro corpo è programmato per cercare il cibo e, quando lo trova, utilizzarlo per il proprio funzionamento, ma se del pasto avanza qualcosina, questo viene indirizzato al deposito, ossia trasformato in grasso. Viceversa, quando la ricerca di cibo non dà gli esiti sperati, l'organismo si trova a dover utilizzare le proprie riserve: se il digiuno è prolungato metterà in atto le strategie sviluppate nel corso dell'evoluzione per preservare le scorte il più a lungo possibile, riducendo il consumo energetico.

 

Attenzione dunque alle “diete” drastiche, che nulla hanno da spartire con il vero concetto di dieta (stile di vita per raggiungere il benessere psico-fisico).

La forte restrizione calorica crea un adattamento metabolico dell'organismo che impara a “farsi bastare” meno energia riducendo o spegnendo alcuni processi, con l'ovvia conseguenza di un repentino aumento di peso all'inevitabile rottura delle regole.

 

Purtroppo il miraggio di una veloce perdita di peso favorisce il fiorente mercato della “diet industry” e il pullulare di diete dai nomi fantasiosi – del minestrone, del gelato, dell'astronauta e potrei continuare per molte righe - che funzionano sempre allo stesso modo: facendo mangiare poco. I chili scendono, è vero, ma vi chiedete cosa avete perso?

La bilancia non è uno strumento “misura grasso”, comunica solo il peso complessivo di un corpo. Quello che ci interessa, per il vantaggio salutistico-funzionale-estetico, è ridurre la massa grassa qualora sia in eccesso e preservare la massa magra metabolicamente attiva.

 

Abbandoniamo la vecchia idea di dieta privativa e ragioniamo piuttosto sulla qualità della nostra alimentazione. E se vogliamo dimagrire...ricordiamoci che l'uomo primitivo non aveva la macchina!



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×