21/07/2018possibili piovaschi

22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

21 luglio 2018

Benessere

Vaccini: Fnomceo, non solo utili ma indispensabili per salute di tutti.

AdnKronos | commenti |

Roma, 22 giu. (AdnKronos Salute) - "I vaccini non solo sono utili, ma indispensabili per tutelare la salute dei cittadini". Anche la Fnomceo interviene sull'obbligo vaccinale, dopo le dichiarazioni del ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Come rappresentanti della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri ribadiamo le nostre convinzioni, che derivano dai dati presenti in letteratura e scientificamente provati, e che sono già state espresse nel Documento approvato all’unanimità dal Consiglio nazionale nel luglio 2016: i vaccini non solo sono utili, ma indispensabili per tutelare la salute dei cittadini, riducendo la mortalità e la morbilità delle malattie infettive". Così si esprime, in una mozione approvata all’unanimità, il Comitato Centrale, l’organo di Governo della Fnomceo, riunito in queste ore a Roma.

"Come medici, abbiamo l’obbligo morale di far presente quanto la scienza insegna e il Codice deontologico sancisce: l’aderenza alle evidenze scientifiche. Un obbligo che riguarda tutti i medici. Il Governo, da parte sua, ha l’onere di mettere in atto provvedimenti efficaci e scientificamente provati per salvaguardare la salute degli italiani. E, nel farlo, non può non tener conto di quanto i professionisti della salute affermano, perché è a loro che è affidata la tutela della salute dei cittadini", afferma il Comitato Centrale della Fnomceo.

I componenti fanno sapere di condividere "le dichiarazioni rilasciate dal ministro della Salute Giulia Grillo, che ha definito le vaccinazioni 'un presidio fondamentale di prevenzione primaria'", e ribadiscono "il sostegno a politiche che siano a garanzia del diritto alla tutela della salute".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×