16 settembre 2019

Nord-Est

Vajont, "La frana era programmata"

Denuncia choc della figlia del notaio coinvolto

commenti | (1) |

BELLUNO - ''Facciamolo il 9 ottobre, verso le 9-10 di sera. Saranno tutti davanti alla tivù e non ci disturberanno, non se ne accorgeranno nemmeno. Avvisare la popolazione? Per carità. Non creiamo allarmismi. Abbiamo fatto le prove a Nove, le onde saranno alte al massimo 30 metri, non accadrà niente e comunque per quei quattro montanari in giro per i boschi non è il caso di preoccuparsi troppo''. Questa conversazione tra i dirigenti della Sade, la società proprietaria della diga del Vajont, che sarebbe avvenuta nell'ufficio di Longarone del notaio Isidoro Chiarelli, nel corso di un atto relativo all'acquisto di un terreno.

 

A rivelarlo in una intervista al Gazzettino è Francesca, la figlia minore del professionista, scomparso nel 2004. A Chiarelli sarebbe stato dato anche un avvertimento: ''lei ha un segreto professionale da rispettare, altrimenti se ne pentirà''. Un segreto, aggiunge la sorella Silvia, docente universitaria a Padova, che alla famiglia costò l'isolamento dalla Belluno che conta. ''Ma nostro padre - precisa - anche se per quasi due anni non lavorò più, schivato da tutti, non smise mai di farsi testimone di quelle parole. Per questo ebbe molti problemi, pressioni e minacce. Il suo grande cruccio fu quello di non essere mai creduto, nemmeno nella sua veste 'certificante' di notaio''.

 

Le due sorelle snocciolano altri terribili ricordi: ''la sera del disastro programmato mio padre ci fece stare pronti. Eravamo vestiti di tutto punto, pronti a scappare''. Per il notaio Chiarelli di tutto si poteva parlare meno di una disgrazia. ''Nostro padre - puntualizzano le figlie - lo chiamava eccidio''.

 

Commenta questo articolo


Cronistoria di tutta la vicenda Vajont dal 1900 ai giorni nostri:

http://www.tinamerlin.it/Attualit%C3%A0/La%20cronolo_18-10.aspx

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

08/10/2015

Vajont da non dimenticare

Iniziative, commemorazioni e una maratona di lettura di 24ore per ricordare le duemila vittime del 9 ottobre 1963

immagine della news

09/10/2014

Il Vajont dei soccorsi

Le pagine del diario di Ulderico Quintabà, vigile del fuoco di Ancona, chiamato a Longarone all’indomani della tragedia

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×