28/06/2017temporale e schiarite

29/06/2017piovaschi e schiarite

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Venerdì 21 aprile il funerale di Massimo Flora, travolto e ucciso da un'auto

Le esequie nell'abbazia di Follina

commenti |

FOLLINA - Si terranno venerdì pomeriggio 21 aprile, alle ore 15.30, nell’abbazia di Follina le esequie funebri di Massimo Flora, il maresciallo dell’esercito, deceduto all’età di 50 anni.

 

Il militare è morto venerdì scorso, 14 aprile, lungo la strada provinciale nr. 32 “Dei Colli”, nel tratto di via Castelletto in località Col S. Martino, investito da un’Opel Corsa.

 

Enorme è stato il cordoglio suscitato nel Quartier del Piave e nella Vallata e anche tra i colleghi, dove il sottufficiale del Cimic, reparto multinazionale della Nato, di stanza a Motta di Livenza, era conosciutissimo e stimato.

 

A porgere le condoglianze ai familiari, anche i sindaci Angela Colmellere (Miane) e Giuseppe Nardi (Farra di Soligo). Il militare ha lasciato la moglie Patrizia, insegnante alla scuola primaria di Miane, i figli Virginia Maria e Gualtiero Saverio, il papà Floriano, la sorella Paola, parenti, colleghi e amici.

 

Nella serata di giovedì 20 aprile, alle ore 19, sempre in Abbazia a Follina, sarà recitato il rosario. I familiari hanno espresso il desiderio di non donare fiori, ma opere di bene.

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×