24 luglio 2019

Nord-Est

Venezia, restauro Ponte Rialto

Firmato contratto sponsorizzazione

commenti | (1) |

VENEZIA - La procedura che portera' al restauro del Ponte di Rialto di Venezia entra da oggi nel vivo: ieri e' stato infatti firmato, a Ca' Farsetti, alla presenza del Segretario generale, Rita Carco', il ''Contratto di sponsorizzazione per il puro finanziamento delle attivita' riguardanti la progettazione e l'esecuzione dei lavori di restauro del Ponte di Rialto a Venezia'' da parte di Renzo Rosso, presidente del gruppo OTB e sponsor dell'operazione, e Manuel Cattani, direttore della Direzione ai Lavori pubblici.

La sottoscrizione e' stata preceduta da un breve incontro informale tra Renzo Rosso, il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, e l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Alessandro Maggioni, presenti poi - assieme a Fabrizio D'Oria, dirigente di Vela Spa, Raffaele Pace, direttore della Direzione Gare e Contratti e Fabio Cacco, dirigente del Settore Gare - durante la lettura dell'atto, che formalizza lo schema di contratto gia' presentato lo scorso 14 dicembre, quando fu resa ufficiale l'aggiudicazione della gara a OTB.

''Oggi si concretizza un fondamentale rapporto di collaborazione per la tutela del patrimonio di tutti'', ha commentato il sindaco, rimarcando l'importanza del progetto di restauro, che fara' rinascere uno dei monumenti simbolo della citta' e dara' al contempo un segnale forte all'economia locale. ''Siamo stati davvero fortunati - ha continuato Orsoni - a trovare chi ci ha seguiti nell'idea vincente di unire pubblico e privato nel recupero di questo celebre manufatto. E siamo particolarmente grati a Renzo Rosso, che si e' rivelato un interlocutore attento e che ha guardato a questo progetto con tanto interesse ed entusiasmo. A lui rivolgo quindi un grazie a nome di tutti i veneziani, ma anche a nome del mondo intero, perche' mantenere questa citta' e' un impegno che va oltre la citta' stessa''.

''Io credo in un modello imprenditoriale molto moderno - ha rimarcato a sua volta Rosso - in cui si cerca di lavorare bene tutti insieme. Come dico sempre: da solo un uomo non puo' fare niente, ma e' il team che costruisce. E secondo questo mio modello, quando si crea profitto e' giusto anche elargirne una parte ai beni culturali e alla societa', soprattutto di questi tempi. Non e' il privato che si vuole sostituire allo stato - ha specificato -, ma e' il privato che cerca di collaborare affinche' si possa dialogare per avere un mondo migliore''. Rosso ha concluso ringraziando a sua volta la citta': ''Chapeau a Venezia per la sua efficienza e per la velocita' con la quale e' stata conclusa questa operazione''.

OTB e' la holding che fa capo a Renzo Rosso e che controlla marchi e aziende di moda come Diesel, Maison Martin Margiela, Marni, Viktor&Rolf e Staff International, per un fatturato 2012 di circa 1.500 milioni di euro e 6.500 dipendenti nel mondo.

(Adnkronos)

 

Commenta questo articolo


non gli dovete più nulla, pagato tutto ?
Diceste che era un ragalo, il suo progetto. Ma era solo uno sghiribizzo su carta: il progetto lo fecero i suoi studenti, e ve lo consegnò in cambio della supervisione tecnica (con i risultati che sappiamo) a costi ... alquanto sostenuti (!)

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×