23/08/2017quasi sereno

24/08/2017quasi sereno

25/08/2017quasi sereno

23 agosto 2017

Conegliano

Via Vespucci, c'è l'accordo. I lavori forse già a fine giugno

Ieri il meeting tra la Cev Spa e l'amministrazione. Zambon: "Trovata l'intesa"

Roberto Silvestrin | commenti |

CONEGLIANO - Si è sbloccata la situazione di Via Vespucci. Ieri, giovedì 27 aprile, l’amministrazione comunale e la Cev Spa, proprietaria dell’ex Saita, hanno avuto un “incontro conclusivo”, come l’ha definito il sindaco Floriano Zambon.

 

E’ stata quindi trovata l’intesa sui lavori che completeranno l’eterna incompiuta di Conegliano: la convenzione non è ancora stata ufficialmente firmata, ma dopo il meeting di ieri si apre finalmente la fase di elaborazione burocratica, che rifinirà gli accordi nel dettaglio.

 

La nuova proprietà del complesso di via Verdi realizzerà opere pubbliche – tra cui via Vespucci – per un valore di circa un milione di euro: in sostanza verrà rispettata la convenzione che era stata sottoscritta nel 2004 dalla ditta che avrebbe dovuto effettuare i lavori, anche se con qualche modifica.

 

"La Cev eseguirà più opere del previsto" ha sottolineato il vice sindaco Claudio Toppan, anch'egli presente all'incontro. Sul piatto anche un tratto che andrà dal Monticano direttamente a via Rosselli: in principio avrebbe dovuto essere realizzato dal Comune, ma verrà invece "passato" alla ditta.

 

“Ci vorranno circa 60 giorni per avere carte e contratti” spiega il primo cittadino: il cantiere potrebbe quindi essere già avviato a fine giugno.

 

Zambon ha espresso grande entusiasmo, ed è parso ottimista anche sui tempi di realizzazione: “Se il prossimo sindaco non avrà il cantiere in fase avanzata a dicembre, chiederemo le sue dimissioni”.

 

Sui tempi Toppan non si è sbilanciato, risultando invece più "attendista": "Il nostro obiettivo primario è quello di avere in mano una convenzione e di sottoscriverla, in modo che la prossima amministrazione possa dare avvio ai lavori".

 

Il completamento di via Vespucci dovrebbe avvenire in concomitanza con la ristrutturazione dell’ex Saita, vista la vicinanza dei due cantieri. 

 

Il sindaco, dopo il buon esito dell’incontro con Cev, ha così potuto stilare un bilancio del suo ultimo mandato, ormai giunto alla conclusione: “Chiudiamo questi 5 anni con 35 milioni di euro di opere pubbliche. In questi giorni si stanno chiudendo anche altre partite importanti, come quella che riguarda l’illuminazione pubblica”.

 

Dopo le polemiche infinite sulla via che dovrebbe cambiare la viabilità del centro, con la chiusura di via Carducci al traffico, il nodo sembra essersi finalmente sciolto: se così fosse, si tratterebbe di una vittoria sul filo del rasoio per Zambon, anche se sarà il prossimo sindaco ad inaugurare la nuova strada.

 



Roberto Silvestrin

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×