19/08/2018sereno con veli

20/08/2018sereno

21/08/2018quasi sereno

19 agosto 2018

Oderzo Motta

Vigilessa opitergina salva la vita ad aspirante suicida

L'episodio è accaduto nei giorni scorsi a Bibione. Sarà premiata in Regione

commenti |

piazzale Zenith

ODERZO – Salva la vita ad una donna che aveva deciso di farla finita. L’episodio è accaduto qualche giorno fa a Bibione.

Una 43enne aveva postato su Facebook una foto di Bibione facendo intendere la decisione.

Il post è stato visto immediatamente dalla sorella, residente in provincia di Varese e ha allertato i Carabinieri della sua città.

I militari hanno allertato i colleghi di San Michele al Tagliamento che hanno avvisato la Polizia locale.

Due le pattuglie in servizio: in una delle quali era in servizio la vigilessa opitergina Manuela Favaretto, sorella di Andrea, attuale sindaco di Salgareda.

La sua pattuglia ha individuato la Citroen della donna, parcheggiata in piazzale Zenit (nella foto), vicino al mare.

Dentro, la donna distesa sui sedili anteriori in stato di incoscienza. Accanto una bottiglia di vodka e farmaci.

Sul posto allertati dei meccanici che hanno forzato la portiere, facendo uscire la 43enne. L'agente opitergina ha praticato sulla malcapitata il massaggio cardiaco e le manovre anti soffocamento, fino all’arrivo dell'ambulanza.

La donna oggi è fuori e gli agenti della Polizia Locale di San Michele al Tagliamento saranno premiati a giugno dalla Regione Veneto, come ha ricordato la Tribuna.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

31/08/2016

Bibione in Rosa, corsa da scudetto

La squadra campione d’Italia parteciperà all’evento benefico al femminile che domenica 4 settembre percorrerà le strade della rinomata località turistica veneziana

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×