17 novembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

VIOLAVANO LA PRIVACY DEI COLLEGHI DI LAVORO

La compagna di uno dei due imputati si è autoaccusata del reato

| commenti |

| commenti |

Tarzo - Erano entrati nel sistema informatico dell'azienda dove lavoravano e poi denunciati ma ieri la compagna di uno dei due imputati si è autoaccusata del reato.

Ieri in Tribunale a Conegliano si è svolta la terza udienza del processo a carico di Marco Dalla Nora, 33 anni di Mansuè, e di Gustavo Herman Acosta, 47 anni di Cordignano ma di origine argentine.

I due, nel 2005 impiegati nell'azienda Irinox che ha sedi a Corbanese e Scomigo come responsabile commerciale e informatico, erano stati accusati di violazione di corrispondenza e accessi abusivi al sistema informatico dell'azienda, e di aver letto e-mail di altri dipendenti.

Durante l'udienza di ieri, durata quasi quattro ore, hanno deposto i testimoni indicati dalle parti. Stefania Dal Col, da 13 anni convivente di Acosta, si è autoaccusata del reato di cui è accusato l'imputato, dicendo di essere stata lei dal computer di casa, senza dirlo al compagno, ad accedere al sistema informatico dell'azienda e di averlo fatto dopo essere stata licenziata dalla Irinox, contro la quale era in corso una causa: la Dal Col voleva cercare elementi che dessero prova delle mansioni da lei svolte all'interno dell'azienda.

La donna ha indicato come proprio difensore l'avvocato Ceriali e ha detto di essersi impadronita delle password interne all'azienda fotocopiando due elenchi di parole chiave lasciate da un ingegnere nel suo studio quando ancora lei lavorava lì. L'ingegnere ha detto però di non ricordare l'episodio.

Dalla Nora, l'altro imputato, ha sostenuto che le password dell'azienda erano condivise tra i dipendenti per evitare che nel caso di assenze ci fossero problemi.

Il giudice Deli Luca ha rinviato le parti all'11 maggio.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×