21/05/2018velature sparse

22/05/2018temporale e schiarite

23/05/2018possibile temporale

21 maggio 2018

Oderzo Motta

Violenza alla bambina: condannato a sette anni

Giovane di Cessalto condannato in tribunale a Treviso. I fatti risalgono al periodo tra l’estate 2011 e la primavera del 2013

commenti |

il tribunale di Treviso

CESSALTO – Condannato a sette anni di carcere per aver violentato, in più occasioni, una bambina residente nel sandonatese che all’epoca aveva dieci anni.

Davanti al giudice è comparso un ragazzo residente a Cessalto. In più occasioni avrebbe costretto a rapporti completi una ragazzina, approfittando dell’amicizia tra le due rispettive famiglie e del fatto che spesso la ragazzina, insieme ai fratelli, venisse ospitata nella sua abitazione.

Il tribunale di Treviso ieri mattina si è riunito in collegio (composto da Michele Vitale presidente, a latere Umberto Donà e Marco Biagetti) e ha accolto le richieste del pubblico ministero.

Per il ragazzo condanna a sette anni e 50.000 euro di risarcimento alla ragazzina più 20.000 euro ai genitori.

I fatti risalgono tra l’estate 2011 e la primavera del 2013: l’occasione è scattata quando le due famiglie hanno ospitato i rispettivi figli a casa in determinati periodi a seconda degli impegni e delle esigenze dei genitori. In uno dei periodo di permanenza nella casa di Cessalto sarebbero avvenute le violenze.

La segnalazione scattò dalla comunità a cui era stata affidata temporaneamente la ragazzina, nel 2014, dopo che era stata fatta decadere la patria potestà dei genitori.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×