19/10/2018sereno

20/10/2018quasi sereno

21/10/2018quasi sereno

19 ottobre 2018

Agenda

LA VITA FERMA.

Scritto e diretto da Lucia Calamaro

Spettacolo - Teatro - Cinema

quando 17/02/2018
orario Dalle 21:00 alle 00:00
dove Teatro Comunale di Belluno
prezzo da €12 a €22
info biglietteria@slowmachine.org - 328.9252116
organizzazione SlowMachine
sito web https://goo.gl/L9MH3a

Scritto e diretto da Lucia Calamaro
Con: Riccardo Goretti, Alice Redini, Simona Senzacqua

Una produzione SardegnaTeatro, Teatro Stabile dell’Umbria e Teatro di Roma Coproduzione Festival d’Automne à Paris / Odéon-Théâtre de l’Europe
In collaborazione con La Chartreuse – Centre national des écritures du spectacle e il sostegno di Angelo Mai e PAV

LA VITA FERMA

“Una riflessione aperta sul lutto, la cui elaborazione non è detto sia l’unica soluzione, anzi, là dove una certa vulgata psicologizzante di malcerte origini freudiane comanda, esige, impone di assegnare il più velocemente possibile al proprio desiderio un oggetto nuovo per rimpiazzare l’oggetto perso, forse è li che interviene un racconto , anche uno piccolo come questo, pratica del singolare per antonomasia, a sdoganare il diritto di affermare la tragica e radicale insostituibilità di ogni oggetto d’amore perso, di ogni persona cara scomparsa. Il dramma di pensare o meno ai morti è comunque il dramma di pensiero di chi resta e distribuisce o ritira, senza neanche accorgersene, un esistenza. Di che tipo sia l’esistenza dei morti non saprei dire, ma come predica Etienne Soreau “Non c’è un’esistenza ideale, l’ideale non è un genere d’esistenza”. La Vita Ferma è dunque uno spazio mentale dove si inscena uno squarcio di vita di tre vivi qualunque, – padre, madre, figlia – attraverso l’incidente e la perdita. E’ occorso anche qualche inceppo temporale ad uopo, incaricato di amplificare la riflessione sul problema del dolore ricordo e sullo strappo irriducibile tra i vivi e i morti che questo dolore è comunque il solo a colmare, mentre resiste”.

Lucia Calamaro

La Vita Ferma è uno spazio mentale dove si inscena uno squarcio di vita di tre vivi qualunque- padre, madre, figlia – attraverso l’incidente e la perdita. Una riflessione sul problema del dolore-ricordo, sullo strappo irriducibile tra i vivi e i morti e su questo dolore è comunque il solo a colmare, mentre resiste. Un dramma di pensiero in tre atti che accoglie, sviluppa e inquadra il problema della complessa, sporadica e sempre piuttosto colpevolizzante, gestione interiore dei defunti.

“Anche se probabilmente non la conoscete, Lucia Calamaro è la migliore scrittrice italiana vivente (…) a partire dalla riflessione teorica si arriva al nucleo più intimo della nostra carne”.

INTERNAZIONALE


Altri Eventi nella categoria Spettacolo - Teatro - Cinema

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×