22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Vittorio Veneto

Vittoriese scopre proteine responsabili del tumore al cervello

La rivoluzione medica del dottor Alessandro Perin

commenti |

VITTORIO VENETO - Si chiama Alessandro Perin (in foto) e è vittoriese il ricercatore che per primo ha scoperto le proteine che causano l'incurabile tumore al cervello. Il glioblastoma è il tumore del sistema nervoso centrale più frequente e maligno: al momento né la chirurgia né la chemio o radioterapia riescono a curarlo. Per questo è ancora più importante la scoperta di due particolari proteine che avviano e provocano la crescita del glioblastoma, realizzata nei laboratori della McGill University di Montreal in Canada e che vede come primo autore il vittoriese dell' Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano. Perin, nel suo cammino professionale, è stato anche specializzando di neurochirurgia all'Ospedale Cà Foncello.

 

Secondo i ricercatori, queste due proteine "potrebbero divenire in futuro bersagli di nuove terapie antitumorali che mirino a disattivarle". La scoperta è stata realizzata in collaborazione con l'Ospedale di Treviso, l'Istituto di genetica e biofisica di Napoli e l'Hotchkiss Brain Institute dell'Università di Calgary (Canada), ed è appena stata pubblicata dalla rivista Nature Communications. Come spiegano gli scienziati, le due proteine individuate "agiscono su uno specifico gruppo di cellule di differenti tipologie da cui parte lo sviluppo del glioblastoma e che ne costituisce il primo nucleo. Tali cellule, tra cui vi sono anche le cellule staminali tumorali, hanno la capacità di portare allo sviluppo del tumore anche quando sono poco numerose. Proprio per tale ragione sono spesso la causa delle recidive di questa patologia anche dopo interventi chirurgici, radioterapia e chemioterapia".

 

"Le due proteine - spiega Perin - si chiamano FOXG1 e Groucho/TLE, e come dei veri e propri interruttori accendono e spengono l'espressione e quindi l'azione di numerosi geni: per questo aver scoperto il loro ruolo apre a diverse possibilità terapeutiche. Tuttavia è importante sottolineare che, sebbene sia un passo importante, non è ancora una cura e che quindi andranno ancora sviluppati ulteriori studi prima di un eventuale applicazione in pratica clinica". Una curiosità: la proteina Groucho si chiama così proprio in onore di uno dei fratelli Marx. Il primo ricercatore che si occupò di questa proteina la studiò nei moscerini della frutta, e scoprì che una mutazione nel gene responsabile della sua produzione provocava una sovrabbondanza di ciglia nell'animale, "molto simili alle folte sopracciglia caratteristiche del personaggio comico".

 

"A tutti va l'orgoglioso ringraziamento della Regione e dei veneti - ha commentato la notizia il presidente della regione Luca Zaia - Siamo di fronte all'ennesima dimostrazione che il nostro sistema sanitario, la nostra ricerca, le nostre università sanno esprimere qualità a livello internazionale in più e più occasioni e che la possibilità di fermare la cosiddetta fuga di cervelli è più di una speranza". Il dottor Alessandro

 

“Complimenti a Alessandro Perin– anche il presidente della provincia Leonardo Muraro dice la sua – e complimenti all'Ospedale di Treviso partner di questa ricerca. La lotta ai tumori si combatte anche grazie all'impegno dei tanti giovani ricercatori che vanno sostenuti. Perin è la testimonianza che la ricerca porta i suoi frutti anche dall'Italia, è un orgoglio per la Provincia di Treviso e mi piacerebbe che diventasse una delle bandiere contro la fuga di talenti dal nostro Paese”.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×