20 settembre 2019

Vittorio Veneto

VITTORIO, CITTA' DA CORSA

Il 2010, in città, avrà le …scarpette ginniche ai piedi

| commenti |

| commenti |

Vittorio Veneto - Se esiste uno sport che negli ultimi dieci o quindici anni puo' vantare un aumento esponenziale di appassionati questo è quello della corsa.

Un vero(questo si...) miracolo italiano se si considera che nel bel paese negli anni ‘80/’90 non solo non si praticava ma addirittura si stentava a pronunciare parole come jogging e running. Oggi quasi ogni capoluogo di provincia ha la sua maratona e tutte hanno un successo di pubblico e partecipanti davvero straordinario. Non fa differenza ma addirittura tendenza la città di Vittorio Veneto, che quest'anno farà da pista a ben quattro appuntamenti con il mondo del running.

A illustrarci i progetti Fabio Bolzan, dell'organizzazione, nonché responsabile dell'area partenza della Treviso Marathon.



Fabio quali i prossimi appuntamenti vittoriesi con il mondo della corsa?
La stagione è stata inaugurata dalla "Cross Road" nel circuito dell'Area Fenderl il 7 febbraio. Il  21 febbraio seguirà la Maratonina della Vittoria Alata, il 14 marzo la settima edizione della Treviso Marathon, concludera' il 16 maggio la Nordic Walking.

Due le novità 2010: la prima più che una novità è un ritorno al passato, ossia la partenza della maratona di nuovo dal centro della città. Fa invece il suo esordio la nordic walking…
Sì, in linea con la volontà del sindaco abbiamo riportato la partenza nel Viale della Vittoria ridando centralita' all'evento , stiamo anche lavorando con l'obbiettivo, coinvolgendo le associazioni vittoriesi, di trasformare la giornata in un momento di sport ma anche di festa per la città. Dalla Finlandia arriva invece la Nordic Walking,una camminata veloce con bastoncini con partenza da Vittorio Veneto verso i sentieri delle nostre montagne,mutuando un tipo di allenamento estivo inventato nel paese finlandese dai preparatori della squadra di sci da fondo

Per mettere insieme manifestazioni di questo tipo (due numeri dell'ultima maratona: 4076 iscritti per 2000 volontari) serve una struttura organizzativa. Da chi e' formata quella della Treviso marathon?
-Su tutti il presidente Zoppas, senza cui tutto questo sarebbe impossibile, poi il coordinamento e l'esperienza del suo vice Aldo Zanetti, l'entusiasmo e la capacità organizzativo-logistica di Fernanda Rasera, il fondamentale lavoro di segreteria di Maddalena Altinier, Mauro Miani e Nicola Zanetti

Qual è il segreto di uno sport divenuto così popolare?
La sua essenzialità forse (bastano un buon paio di scarpe e poco altro) basta a spiegare il successo. Certo se ripenso quando negli anni 90 allenarsi per strada era a rischio se non di dileggio almeno di essere visto come un marziano sembra incredibile. Oggi sono tantissimi gli atleti che si allenano, da soli o in gruppo… per esempio quelli della straordinaria "Scuola di maratona"del professor Tonon.

Marco Olmo, maratoneta estremo, dice che correre assomiglia al volo, perché tra un passo e l'altro ci si stacca da terra. Condividi?
Sì, mi piace. Come mi piace sempre ricordare una frase di Max Calderan,maratoneta del deserto,che ricorda  che correre e' spostare il limite un po'  più in là, ma un limite solo e rigorosamente con se stessi.


Paolo Pagotto

Nella foto: Fabio Bolzan (a sinistra) con Paolo Pagotto

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×