17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018sereno

17 agosto 2018

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, la burocrazia spegne i "Panevin"

Per accendere i roghi serve ora un piano della sicurezza firmato da un professionista, approvato da comune e Questura

Roberto Silvestrin | commenti |

burocrazia spegne panevin

VITTORIO VENETO - Siamo all’assurdo. Dopo la Mostra dell’artigianato di Ceneda e i “bandòt”, rischiano di saltare anche i tradizionali “Panevin”. In questi giorni gli organizzatori dei falò del 2017 si sono visti recapitare una lettera dal comune, che comunica l’introduzione di un nuovo – pesantissimo – iter burocratico da seguire per poter realizzare l’evento.

 

L’amministrazione comunica agli organizzatori che “la procedura per il rilascio dell’autorizzazione 2018 prevede necessariamente la preventiva valutazione della sicurezza organizzativa dell’evento”. E chi può farla? Il comune non risparmia consigli: “a tal fine si potrà ricorrere a specifiche professionalità reperibili all’ordine degli ingegneri, all’ordine degli architetti, al collegio dei geometri e geometri laureati, nonché al collegio dei periti industriali e dei periti laureati”.

 

Fuori dal burocratese, significa che la richiesta di permesso per il “Panevin” dovrà essere firmata dal responsabile dell’evento, accompagnata dal piano della sicurezza firmato da un professionista e controfirmata ancora dal responsabile. Scadenza fissata per il 15 dicembre. Perchè la documentazione, riporta la lettera, “sarà esaminata preventivamente dall’organo tecnico del comune e successivamente inoltrata alla Questura di Treviso per le valutazioni di competenza”.

 

Tutto questo a causa delle circolari emanate dal Ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Treviso. E non è finita, perché il comune si riserva di presentare ulteriori prescrizioni in materia di emissioni. Per “brusar la vecia” bisognerà quindi chiedere la consulenza di esperti professionisti/laureati, passare l’esame del comune e il vaglio della Questura.

 

Con dei costi che potrebbero diventare insostenibili per le associazioni, che potrebbero non reperire i fondi necessari per pagare le prestazioni di un ingegnere. “Qui stanno completamente spegnendo l’entusiasmo di cittadini e associazioni, che sono linfa vitale per il territorio – ha commentato il consigliere leghista Gianluca Posocco – Sembra che vogliano imporre il coprifuoco con tutte queste norme e questa burocrazia.

 

Di questo passo rimarranno tutti a casa e non si organizzerà più nulla: ogni associazione rischia di dover spendere mille euro solo per le autorizzazioni ogni volta che vuole organizzare qualcosa. Ma dove siamo finiti?”

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×