25/09/2018sereno

26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

25 settembre 2018

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, il parcheggio del cimitero di Ceneda resta chiuso: "C'è qualcosa non a norma?"

Transennato da oltre due settimane, l'ipotesi di Bastanzetti

Roberto Silvestrin | commenti |

Vittorio Veneto, il parcheggio del cimitero di Ceneda resta chiuso

VITTORIO VENETO - Continua la telenovela del parcheggio del cimitero di Ceneda. Il park è infatti ancora transennato, e l’accesso a pedoni e auto rimane vietato: dal 10 di gennaio, quando è stata emessa l’ordinanza di chiusura. Il provvedimento si era reso necessario dopo il maltempo che aveva fatto volare a terra parti della copertura in plastica dell’antennone.

 

Delle sorti del parcheggio si è parlato ieri sera nel consiglio di quartiere: “E’ un caso davvero misterioso – ammette il consigliere Michele Bastanzetti – L’ordinanza ordinava la messa in sicurezza entro il 20 gennaio”. Effettivamente gli operai sono entrati in azione il 13 gennaio, rimuovendo tutta la copertura in plastica rimasta sull’antenna e le parti cadute a terra.

 

“In piazza Medaglie d’oro, dov’è accaduta la stessa cosa, hanno impiegato solo un giorno a sistemare il tutto” continua Bastanzetti. Il parcheggio si trova quindi da due settimane in una situazione paradossale: è stato messo in sicurezza, nessuno più ci lavora, ma è ancora chiuso.

 

Bastanzetti ha ipotizzato un problema legato ad un punto dell’ordinanza: quello che stabilisce la chiusura del park fino all’invio – da parte di Telecom – dell’attestato di messa in sicurezza.

 

“Vuoi vedere che ci sono dei problemi con quel documento, e che qualcosa non è a norma?” l’ipotesi del consigliere.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×