22 agosto 2019

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto: ripara la macchina dal maltempo e la parcheggia sotto il portico della chiesa storica, poi passa sopra la tomba antica

Il portico dell’antica Pieve di Sant’Andrea trasformato in parcheggio, riparo scelto da un’automobilista mentre ieri sera, lunedì, imperversava il maltempo

Claudia Borsoi | commenti |

VITTORIO VENETO – Il portico dell’antica Pieve di Sant’Andrea trasformato in parcheggio, riparo scelto da un’automobilista mentre ieri sera, lunedì, imperversava il maltempo. E quando il parroco monsignor Michele Favret ha notato il mezzo parcheggiato in quel punto, non trovando nessuno a bordo, ha chiamato i carabinieri.

 

L’automobilista è però tornato a riprendersi l’auto prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Ha ingranato la retromarcia e, passando con le ruote sopra ad una delle tombe antiche che circondano la chiesa, ha ripreso il suo cammino.

 

Esterrefatto don Michele. «La Pieve è monumento nazionale – premette – e non so come una persona possa sognarsi di parcheggiare la propria auto sotto il portico della chiesa trecentesca. Senza contare che quella persona, nell’uscire, con le ruote del suo suv è passata sopra ad una delle tombe antiche. Visibilmente non ci sono danni, ma credo che non gli abbia fatto per niente bene».

 

Il parroco ha cercato di redarguire l’automobilista, ma la signora è salita in auto al volo ed è andata via. «Ora dovrò interpellare la polizia locale affinché vengano presi dei provvedimenti – annuncia don Michele, visto che già in passato è capitato che delle auto parcheggiassero sopra alle tombe -, ho anche informato il sindaco. Ci tengo a denunciare pubblicamente l’accaduto non per punire una persona, ma per indicare a tutta la cittadinanza una maggiore attenzione e una cura per il patrimonio di tutti».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×