18/06/2018possibile temporale

19/06/2018quasi sereno

20/06/2018quasi sereno

18 giugno 2018

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, uova contro la sede della Lega

Da Re: "Siamo contenti, vuol dire che stiamo lavorando bene"

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Uova contro la sede della Lega Nord a Vittorio Veneto, in via Manin. L’atto vandalico, con tutta probabilità, è stato commesso nella notte: questa mattina alcuni militanti hanno trovato le finestre imbrattate, e a terra gusci, tuorli e albumi che hanno macchiato il pavimento.

 

Non ci sono però sospetti su chi possano essere i responsabili. Il segretario nazionale leghista Gianantonio Da Re, ex sindaco e oggi consigliere comunale, sembra cogliere una sfumatura politica nel lancio delle uova: “Siamo contenti che ci sia questa contestazione. Vuol dire che Salvini e Zaia stanno lavorando bene. E noi consiglieri stiamo contestando le scelte discutibili dell’amministrazione comunale”.

 

 

Un atto che in qualche modo rende ragione della bontà dell’operato del partito, secondo Da Re. “Stiamo facendo il nostro lavoro - ha detto il segretario – Prendiamo atto di questo gesto vandalico”.

 

Gli ha fatto eco il segretario della sezione vittoriese, Roberto Parrella: "Probabilmente siamo sulla strada giusta, quella che vogliono i cittadini, ma a qualche personaggio questo non piace. Noi seguiremo la nostra strada onestamente come abbiamo sempre fatto, e non ci faremo intimidire da questi atti indecorosi e vigliacchi".

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

13/02/2018

Vandali in pieno centro a Oderzo

Ignoti hanno danneggiato una struttura architettonica con funzione di panchina, accanto alla piramide della zona archeologica

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×