21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, vandali nel parco Papadopoli: sfondate le porte dell’ex casa del custode

I danni sono stati scoperti stamane dai volontari di Insieme per Ceneda

commenti |

vandali parco papadopoli

VITTORIO VENETO - Vandali in azione nel parco Papadopoli, a Ceneda di Vittorio Veneto: ignoti hanno sfondato due porte al piano terra dell’ex casa del custode. A denunciare l’accaduto è l’associazione Insieme per Ceneda che cura la manutenzione del parco come da convenzione con il Comune di Vittorio Veneto.

 

Stamane, come ogni martedì, i volontari si sono ritrovati di prima mattina nel parco per la cura del verde, per sistemare i sentieri, raccogliere le foglie e altro, dopo che il forte vento di ieri non aveva risparmiato nemmeno il polmone verde di Ceneda. Arrivati nell’ex casa del custode, che si trova nel cuore del parco, l’amara scoperta: qualcuno aveva sfondato le porte al piano terra.

 

«Sabato eravamo stati nel parco e tutto era a posto – testimonia Mario Longo, presidente di Insieme per Ceneda -, stamane ci siamo invece trovati davanti due porte sfondate. Qualcuno è quindi entrato nel nostro deposito attrezzi. Fortunatamente non manca nulla. Il danno è limitato alle porte in legno che ora cercheremo di riparare con l’intervento di un falegname».

 

Rammarico per i volontari che periodicamente si trovano a dover sistemare i danni provocati da ignoti. Non è infatti la prima volta che i vandali prendono di mira il parco, l’area verde e le sue strutture. Ora è toccato ai locali nei quali sono custoditi gli attrezzi utili alla manutenzione dell’area. Già in mattinata i volontari di Insieme per Ceneda si sono attivati per ripristinare le porte che conducono ai locali del loro deposito attrezzi.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×